rotate-mobile
Caso Macario

Caso Macario, il Pd: "Doloroso che si consumi a scuola un conflitto sulla gestione degli spazi di libertà"

Il gruppo consiliare ha voluto commentare la vicenda che ha riguardato la preside del liceo Ariosto

“La scuola è per eccellenza il luogo nel quale si forma il pensiero e con esso la personalità delle giovani e dei giovani. È doloroso che ancora una volta si consumi, proprio a scuola, un conflitto durante una assemblea studentesca tra differenti modalità di gestione di spazi di discussione, di apprendimento e di libertà”. Commenta così, il gruppo consiliare del Partito Democratico, la vicenda del liceo Ariosto.

“È doveroso ribadire – si prosegue nel messaggio - in ogni contesto il rispetto della Costituzione, di norme e leggi che da un lato garantiscono libertà di espressione di sè e delle proprie opinioni, proteggendola da discriminazioni anche sottili che negli anni abbiamo imparato a riconoscere; dall’altro sovrintendono la vita scolastica e l’equilibrio tra docenti e discenti, tra regole da rispettare e i diritti di studenti e studentesse”.

Poi il pensiero sulla libertà di parola dopo quelli che lo stesso Pd definisce come “anni di buio e di negazione e ostracismo delle tematiche Lgbtq+”. “Un episodio – conclude il gruppo consiliare - non può e non deve mettere in discussione lo spazio di libertà che è stato conquistato né essere usato come occasione per dire altro, per offuscare la dignità delle persone, la professionalità di chi da anni lavora nelle scuole e lo scopo per il quale questi percorsi (ieri impossibili) sono oggi utili e necessari: combattere la discriminazione e riconoscere nella scuola un presidio di legalità e sicurezza per tutte e tutti i giovani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Macario, il Pd: "Doloroso che si consumi a scuola un conflitto sulla gestione degli spazi di libertà"

FerraraToday è in caricamento