rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Sociale

Alzheimer, il Comune a fianco ad Ama per favorire l'attività fisica e la stimolazione cognitiva

L'amministrazione contribuisce al progetto di sostegno con un fondo di 9.200 euro

L'attività fisica e la stimolazione cognitiva come strumenti per rallentare lo sviluppo della malattia di Alzheimer e mantenere vive le capacità residue dei malati. E' su queste basi che si fonda il ‘Progetto multidisciplinare’ condotto in questi mesi da Ama (Associazione Malattia Alzheimer), al quale l'amministrazione destinerà un contributo di 9.200 euro proveniente dalle risorse del Fondo regionale per la non autosufficienza.

“Purtroppo il territorio provinciale ferrarese - spiega l’assessore alle Politiche sociali, Cristina Coletti - è, in ambito regionale, uno di quelli con maggiore incidenza di queste patologie, con circa 1.800 nuovi casi all'anno in carico al servizio sanitario. Per questo l'amministrazione continua a sostenere l'opera fondamentale che l'associazione Ama svolge sul territorio, aiutando i malati e le loro famiglie con attività”.

Punti cardine del progetto multidisciplinare di Ama sono l'esercizio fisico e la stimolazione cognitiva. Per il primo, l'associazione ha messo in campo una collaborazione con Esercizio Vita Medical Fitness. Così come l'esercizio fisico, anche i corsi di stimolazione cognitiva promossi dall'associazione hanno la finalità di stimolare e allenare le capacità cognitive legate alla memoria, al linguaggio, all'attenzione e al ragionamento, e ridurre l'isolamento del malato e della sua famiglia contrastando disturbi comportamentali come ansia e depressione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alzheimer, il Comune a fianco ad Ama per favorire l'attività fisica e la stimolazione cognitiva

FerraraToday è in caricamento