rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Lavori / Malborghetto-Pontegradella / Via Gramicia

Nasce il nuovo Cus, più ampio e moderno: consegnato il maxi progetto da 5 milioni di euro

Da una nuova reception a un rifacimento degli impianti, diverse le novità legate agli interventi

Una reception allungata verso il piazzale, la palestra centrale con un pavimento sportivo a elevato assorbimento degli urti, nuovi impianti elettrici e idrico-sanitari. E poi, un impianto fotovoltaico in grado di produrre energia pari a 100mila kwh all'anno. Inoltre nell'area esterna, ampie aiuole verdi nell'ingresso ciclopedonale, e un sistema d'illuminazione dei campi per consentire una migliore fruizione serale e notturna. Il volto del futuro Cus è raccontato dal progetto di adeguamento, ammodernamento e ampliamento che è stato presentato nel corso della mattina di mercoledì in Rettorato.

Un progetto che ammonta a 5 milioni di euro finanziato dall'Università e che interesserà il complesso del centro di via Gramicia. Le opere si affiancano agli interventi, già in fase avanzata di progettazione, connessi all'adeguamento sismico delle palestre principali, a seguito del terremoto del 2012. Interventi oggetto di finanziamento regionale per 650mila euro complessivi. Le nuove opere, attualmente a carico del bilancio dell'ateneo, sono state candidate al bando del Miur per il cofinanziamento di interventi di potenziamento dell'edilizia sportiva universitaria, e verranno realizzati indipendentemente dall'ammissione.

"L'intervento sul Cus - ha sottolineato la rettrice Laura Ramaciotti - s'inserisce in un'ampia progettualità dell’Università di Ferrara nell'ambito di patrimonio architettonico. Abbiamo infatti candidato a finanziamenti ministeriali numerosi progetti ai fini del potenziamento delle strutture a supporto della didattica e della ricerca, quindi, in ultima istanza, del nostro corpo studentesco e docente, ma anche, come in questo caso, della città tutta. Gli interventi sul Cus vanno dall’efficientamento energetico alla sicurezza, dall’ammodernamento anche estetico a una migliore fruizione interna ed esterna, con l'obiettivo di ampliare le opportunità sportive, per la nostra comunità universitaria e per quella cittadina, e al contempo nello specifico quelle della nostra laurea in Scienze motorie".

Il progetto definitivo che è stato consegnato è adesso in attesa dei pareri da parte del Comune, prima di entrare nella fase esecutiva. I lavori dovranno essere avviati entro il 30 giugno 2024. Entrando nel dettaglio del progetto, è prevista un’estesa operazione di ristrutturazione degli spazi esistenti attraverso la realizzazione di un nuovo edificio di collegamento tra i blocchi esistenti che ospiterà funzioni di accoglienza a servizio dell’intero complesso. Si accederà dunque nella struttura attraverso la nuova reception, collocata in posizione strategica fra i corpi fabbrica esistenti, per consentire ai fruitori di raggiungere tutte le aree del complesso sportivo, evitando di dover uscire e rientrare dalla struttura in un contesto di migliore sorveglianza.

Nell'impianto sportivo saranno ospitati anche una zona ristoro, armadietti, un ufficio collegato al front office, servizi igienici per utenza e personale e una infermeria. Gli ambienti interni esistenti saranno rinnovati mediante posa di nuovi pavimenti, rivestimenti, sanitari e controsoffitti. Si procederà al totale rifacimento degli impianti elettrici, idrico-sanitario, fognario e di ricambio aria. Tutti i sottosistemi di impianto, distribuzione, regolazione ed emissione del calore saranno rinnovati. Il sistema di generazione inoltre sarà ottimizzato mediante la sostituzione delle due centrali termiche con nuove aventi caratteristiche prestazionali migliorative. Una delle due centrali termiche sarà del tipo ibrido, con pompa di calore per riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria con generatore a condensazione a supporto.

Spazio inoltre all’installazione di un impianto fotovoltaico di potenzialità complessiva pari a 85kWp sulle coperture del blocco reception e del blocco fitness. Tale impianto, in grado di produrre energia pari a circa 100.000kWh all'anno, sarà nelle condizioni di garantire una buona copertura dei consumi complessivi dell’impianto sportivo. L’insieme sistematico di queste opere permetterà al complesso di raggiungere la classe energetica B, al posto della attuale classe E. Sono previsti inoltre interventi di miglioramento sismico.

Per quanto riguarda gli spazi esterni, si prevede la riqualificazione del piazzale di accesso da Via Gramicia. Il ridisegno del piazzale sarà caratterizzato dalla separazione dei flussi ciclopedonali e carrabili. L’ingresso ciclopedonale sarà caratterizzato da ampie aiuole verdi, piantumate con specie autoctone, che permettano di creare piacevoli aree di sosta all’ombra. Gli impianti sportivi esterni saranno riqualificati e implementati mediante la realizzazione di due nuove strutture a servizio del golf, due nuovi campi da green volley, il rifacimento delle coperture pressostatiche dei campi da tennis. Si prevede infine la realizzazione di nuove tribune in sostituzione delle esistenti.

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce il nuovo Cus, più ampio e moderno: consegnato il maxi progetto da 5 milioni di euro

FerraraToday è in caricamento