rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Politica

Alloggi per studenti, Caroli (Pd): "Gli edifici pubblici potrebbero essere utilizzati senza essere appaltati a privati"

La referente per l'Università della Segreteria dell'Unione comunale del Partito Democratico è intervenuta sul tema

"Le recenti esternazioni di Gianpaolo Zurma di Azione Universitaria rispecchiano una ricostruzione non realistica, per evidenti carenze strutturali che si sono stratificate negli ultimi anni: il dramma degli alloggi, la mancanza di aule per fare lezione o aule studio sono il frutto del completo disinteresse di un Comune nei confronti dell'Università". A parlare è Monica Caroli, referente per l'Università della Segreteria dell'Unione comunale del Partito Democratico.

L'esponente Dem ha ricordato che "quando esplose il problema della mancanza di aule e alloggi a causa della scelta unilaterale del rettore Zauli di abolire i numeri chiusi di alcune facoltà, l'Amministrazione di allora rispose all'emergenza trasformando le sale della Fiera in aule, attivando e potenziando i collegamenti con corse bus dedicate e aprendo nuovi alloggi in Palazzina Giglioli e uno studentato all'ex Palaspecchi. Questa dunque è la situazione ereditata dall'attuale Amministrazione e tale è rimasta negli ultimi cinque anni, persino il prestigioso Polo didattico di Cona è un regalo di Università e Ministero, il Comune continua a essere il grande assente".

Da qui all'affondo politico di Caroli, che ha aggiunto che "l'assessora Coletti e l'assessore Balboni non sembrano interessati a portare il tema al Tavolo per le politiche abitative del Comune, luogo ove queste problematiche andrebbero discusse e risolte. L'esperienza di Unitown, rete europea delle città universitarie, che aveva l'obiettivo di confrontare le buone prassi nei rapporti tra città e Università è finita nel dimenticatoio, sintomo, come tanti altri, dell’isolazionismo della Ferrara che vuole l’amministrazione Fabbri".

La referente Dem ha evidenziato che "a Ferrara ci sono circa 28mila studenti universitari, di cui oltre la metà sono fuori sede, la nostra è un'Università prestigiosa, tra le più antiche d'Italia, è il soggetto principe di una sana contaminazione sociale e culturale che tanto fa bene a questo territorio. Rimane, però, un volano inespresso per lo sviluppo del territorio, per alimentare le imprese con occupazione qualificata e favorire i consumi. Come Partito Democratico di Ferrara pensiamo che il compito della politica sia dare risposte ai bisogni e che gli studenti siano una risorsa: esistono sul territorio comunale edifici pubblici, quali la ex caserma di via Scandiana o la ex Casa del Pellegrino che potrebbero essere utilizzati e adibiti a nuovi alloggi, studentati e aule, ma serve una volontà del Comune di distrarre fondi da altro per investirli nella crescita della città di lungo periodo senza appaltarla ai privati".

Caroli ha concluso che "un'Amministrazione virtuosa deve rendere Ferrara una città universitaria accogliente e attrattiva per gli studenti, accompagnandoli durante la loro esperienza formativa e far sì che non se ne vadano dopo la laurea, di trovare qui le condizioni lavorative e di vivibilità che permettano loro di stabilirsi, costruire una famiglia e contribuire allo sviluppo sociale ed economico della nostra città".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alloggi per studenti, Caroli (Pd): "Gli edifici pubblici potrebbero essere utilizzati senza essere appaltati a privati"

FerraraToday è in caricamento