rotate-mobile
Sanità

Sanità, Anaao: "Appena possibile proclameremo una prima giornata di sciopero locale"

L'annuncio da parte della sigla sindacale è giunto dopo il tentativo di conciliazione

Proseguono le divergenze fra Anaao Assomed e Direzione dell'Azienda ospedaliera universitaria 'Sant'Anna'. A comunicarlo è il sindacato che, attraverso una nota, ha evidenziato che lo scorso mercoledì 8 novembre "si è svolto il tentativo di conciliazione alla presenza del signor prefetto di Ferrara con esito negativo perciò, appena possibile proclameremo una prima  giornata di sciopero locale in Azienda Ospedaliero-Universitaria 'Sant'Anna'. Era da 18 anni che ciò non accadeva".

La nota della sigla sindacale ha aggiunto che "le motivazioni che sono alla base dello scontro con la Direzione sono note da tempo: mancato rispetto degli impegni assunti nel corso del tentativo di conciliazione del 5 luglio 2023 in tema di assunzioni, concorsi, primariati, stabilizzazione dei precari; ore di straordinario utilizzate come fattore ordinario di programmazione del tempo di lavoro e di copertura dell'orario di lavoro; ferie non godute; violazione delle norme contrattuali in tema di relazioni sindacali e sottoscrizione contratti individuali di lavoro".

A questo proposito, Anaao ha evidenziato che "il tentativo di conciliazione è fallito perché la Direzione non ha accolto le nostre tre richieste: il piano triennale di fabbisogno di personale va ritirato e modificato perché: il calcolo del personale non è basato sui carichi di lavoro e quindi non è conforme alla realtà mancando 28 professionisti; i primariati ospedalieri di Anestesia e Neurologia vanno confermati e banditi, come da accordi; non sono stati rispettati gli impegni presi sulle assunzioni e stabilizzazioni dei precari".

Inoltre, la sigla sindacale ha sottolineato che "la delibera tra le due Aziende che riporta lo spostamento di medici dal 'Sant'Anna' all'Asl e viceversa, in orario di servizio va ritirata perché non conforme alla normativa. Noi consideriamo illegittima questa delibera che prevede che un medico possa trovarsi a prestare il proprio servizio per una Azienda diversa da quella con la quale ha sottoscritto il proprio contratto di lavoro", rimarcando l'importanza del "rispetto del contratto, in particolare del titolo II (Relazioni sindacali), e degli impegni presi nel corso della precedente conciliazione di luglio in Prefettura", e concludendo che "non chiediamo incrementi economici ma solo assunzioni di personale e rispetto degli impegni presi".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Anaao: "Appena possibile proclameremo una prima giornata di sciopero locale"

FerraraToday è in caricamento