rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Sanità

Salute, ambiente e clima: la prevenzione si allarga dai droni ai campionamenti

Ok dalla Regione: a Ferrara nasce il 'nodo aziendale' per combattere i rischi

Droni per ispezionare il territorio, attrezzature e software per il campionamento, fotoionizzatore portatile, auto e biciclette elettriche per la vigilanza degli inconvenienti ambientali sul territorio. Sono alcune delle strumentazioni acquisite dal dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl, grazie al finanziamento da 131mila euro assegnato dalla Regione con fondi del Piano nazionale per gli investimenti complementari, (per progetti relativi a salute, ambiente e clima per un totale di quasi 9,6 milioni di euro).

L’obiettivo

Il sistema entra ora nel vivo anche a Ferrara con l’istituzione del ‘Nodo aziendale del sistema regionale Prevenzione salute dai rischi ambientali e climatici’ all’interno del dipartimento di Sanità pubblica. Il compito del ‘nodo aziendale’, costituito a dicembre 2023, è quello di migliorare e coniugare le politiche e le strategie di prevenzione primaria e di risposta in riferimento agli impatti sulla salute associati a rischi ambientali e climatici.

L’assetto organizzativo

Questo prevede un nuovo assetto organizzativo che ha già visto il conferimento dell’incarico della Uos Ambiente e salute, collocata all’interno della Uoc Igiene Pubblica, che si occuperà del monitoraggio dei rischi per la salute derivante dall’esposizione agli inquinati ambientali, dalle conseguenze dei cambiamenti climatici, ai rischi microbiologici e tossicologici, secondo un approccio ‘One Health’.

Il nucleo di professionisti

A supporto è stato definito il Nucleo multiprofessionale del nodo della provincia di Ferrara, composto da operatori afferenti alle aree Sanità pubblica, area veterinaria e area prevenzione ambienti di lavoro del dipartimento di Sanità pubblica.

Tra le funzioni, il nucleo multiprofessionale si occuperà dei procedimenti legati ad autorizzazioni ambientali, bonifica di siti contaminati, valutazioni di impatto sanitario, piani d’emergenza, fitofarmaci - in particolare su problematiche inerenti ad eventuali valutazioni di inconvenienti -, gas tossici, con particolare riferimento alle procedure di trattamenti fitoterapici sui suoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute, ambiente e clima: la prevenzione si allarga dai droni ai campionamenti

FerraraToday è in caricamento