rotate-mobile
Politica

Politiche migratorie, Balboni sul vescovo: "Parla come il vero capo dell'opposizione"

Il senatore di Fratelli d'Italia: "Il governo Meloni è impegnato a contenere i flussi irregolari"

Non accenna a placarsi la polemica fra il senatore di Fratelli d'Italia Alberto Balboni e l'arcivescovo di Ferrara Gian Carlo Perego. Un attrito proseguito negli ultimi giorni con una divergenza di vedute in relazione all'accordo fra Italia e Albania sul tema delle politiche migratorie. "Il messaggio è chiaro: è finita la politica delle porte aperte per tutti", le parole del parlamentare nel suo intervento di dichiarazione di voto sulla ratifica del Ddl.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

"Il Senato - ha replicato il presidente della Fondazione Migrantes - ha approvato l'accordo Albania-Italia per il trattenimento di migranti che la Guardia costiera salverà in mare. Seicentosettantantatre milioni di euro in dieci anni in fumo per l'incapacità di costruire un sistema di accoglienza diffusa del nostro Paese, al sedicesimo posto in Europa nell'accoglienza dei richiedenti asilo rispetto al numero degli abitanti".

In risposta a una domanda di chiarimenti da parte del senatore di Fratelli d'Italia, monsignor Perego ha inoltre indicato che "i 20mila euro della fondazione Migrantes non sono stati destinati all'associazione Mediterranea, ma all'ufficio per la pastorale dei migranti dell'Arcidiocesi di Palermo, che li ha utilizzati per fornire ausili sanitari, in tempo di Covid, destinati alle persone migranti che sbarcavano nei porti e salvati in mare dalle navi delle Ong". 
 
Da qui a una nota proveniente dal senatore di Fratelli d'Italia. "Mi meraviglio tuttavia che Perego mi accusi di averlo  diffamato - ha commentato Balboni - solo perché gli ho chiesto di fare chiarezza su quanto risultava a chiare lettere da una inchiesta giornalistica. Non ho mai saputo che porre domande integrasse il reato di diffamazione". L'esponente del partito di Giorgia Meloni ha aggiunto che "pare chiaro che Perego - che parla come il vero capo dell'opposizione, più che come pastore di anime - è contrario al respingimento dei migranti, anche di quelli pericolosi, è contrario ai Cpr in Italia e anche in Albania".

Balboni ha evidenziato che "non è questo che intende fare il Governo Meloni, che anzi con il consenso della stragrande maggioranza degli italiani, compresi molti elettori di sinistra, è impegnato a contenere i flussi irregolari, favorendo al contrario l'immigrazione regolare, affinché chi viene in Italia abbia già un lavoro e una sistemazione decorosa e non sia costretto a diventare preda dello sfruttamento o peggio ancora  manovalanza per la criminalità organizzata. Le politiche messe in atto dal governo, pur tra mille difficoltà, stanno producendo finalmente effetti positivi, tanto che da settembre a oggi gli sbarchi sono drasticamente diminuiti, sia rispetto allo stesso periodo del 2022 che del 2023".
 
Il senatore di Fratelli d'Italia ha concluso che "i soldi spesi per l'accoglienza dei migranti in Albania sono quindi soldi spesi bene, se ne faccia una ragione anche il capo dell'opposizione Perego, sia perchè non sono tutti aggiuntivi ma in buona parte sostitutivi di quanto costerebbe ospitarli in Italia, sia perché, insieme a tutte le altre misure varate dal governo nell'ultimo anno, contribuiranno a dissuadere i migranti economici dalla partenza e toglieranno così ulteriore spazio di reclutamento agli scafisti e ai mercanti di esseri umani, che - anche su questo dovrebbe riflettere Perego - non sono propriamente dei benefattori come lui sembra quasi credere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Politiche migratorie, Balboni sul vescovo: "Parla come il vero capo dell'opposizione"

FerraraToday è in caricamento