rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Sanità / Aguscello-Cona-Quartesana / Via Aldo Moro, 8

Lotta alla tubercolosi, il ruolo del reparto del 'Sant'Anna'

Diverse decine all'anno, i casi seguiti all'ospedale di Cona

Come ogni anno, il 24 marzo si celebra la Giornata mondiale della tubercolosi, nata per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle drammatiche conseguenze sanitarie, sociali ed economiche determinate da questa malattia e per intensificare gli sforzi per eliminare questa epidemia globale.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday 

L'Unità operativa di Malattie infettive dell'Azienda ospedaliera universitaria di Ferrara, diretta dal dottore Marco Libanore, è presente nel trattamento di questa patologia con un'attività clinica e ambulatoriale. Il reparto del 'Sant'Anna' segue annualmente diverse decine di casi di tubercolosi e svolge attività di chemioprofilassi antitubercolare in persone con infezione latente a rischio di sviluppare la malattia conclamata. L'Unità operativa dell'ospedale di Cona è l'unica dotata di stanze di isolamento a pressione negativa per il ricovero delle forme bacillifere altamente contagiose. 

La Sezione di Microbiologia clinica dell'ospedale di Cona, con la quale il reparto collabora quotidianamente, svolge un supporto diagnostico, consentendo di identificare anche eventuali forme di resistenza, favorendo un trattamento modulato in rapporto ai profili atipici riscontrati. Assieme alle Malattie infettive, nel trattamento di questi pazienti, collaborano anche la Pneumologia dell'ospedale di Cona e quella del territorio, dirette rispettivamente dal docente Alberto Papi e dal dottore Marco Contoli.

La tubercolosi costituisce la più antica e famosa malattia che affligge l'umanità. Considerata, nel recente passato, scomparsa, è tuttora la più diffusa patologia infettiva a livello globale, con 10 milioni di nuovi casi all'anno e 4.500 decessi al giorno. In Italia i dati sono fortunatamente inferiori, con circa 3mila casi all'anno, ma purtroppo stabili, per l'insorgere di nuove problematiche, quali la multiresistenza ai farmaci e la presenza di sempre nuovi fattori di rischio, come ad esempio il binomio diabete e Tbc o immunodepressione e tubercolosi. 

La tubercolosi rimane una malattia con importanti risvolti sociali legati all'emarginazione, scarsa igiene, povertà, malnutrizione e stigma, generando spesso repulsione verso chi è ammalato. L'importante è sapere che la tubercolosi è facilmente curabile e a costi più che accessibili. Trattandosi di un'infezione che necessita di un trattamento prolungato e complesso, le difficoltà maggiori sono legate alla compliance e all'aderenza dei pazienti interessati, appartenenti, come si è avuto modo di osservare nella nostra realtà, soprattutto negli ultimi anni, agli strati più disagiati della popolazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla tubercolosi, il ruolo del reparto del 'Sant'Anna'

FerraraToday è in caricamento