rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Politica / Comacchio

Granchio blu, Basso (Lega Id): "Occorre sostegno in tutte le sedi, a partire dall'Europa"

L'eurodeputata, in visita al Consorzio pescatori di Goro, si è impegnata a presentare un'interrogazione

La proliferazione del granchio blu e le ripercussioni ai danni di pescatori e molluschicoltori richiamano anche l'attenzione di Bruxelles. A questo proposito, l'europarlamentare Alessandra Basso, del Gruppo Lega Id, ha voluto incontrare nel pomeriggio di mercoledì 27 dicembre Massimo Genari, direttore generale di Copego, Consorzio pescatori di Goro. Al centro della discussione, i danni causati dal predatore che inghiotte quintali di vongole e devasta le coltivazioni nella Sacca di Goro, compromettendo la produzione ittica oltre alla biodiversità: tra luglio e agosto scorso è andata perduta la produzione dell'intero anno, per un valore stimato in 40-50 milioni di euro.

"Il comparto - ha affermato l'eurodeputata - ha bisogno del supporto di tutti per far fronte a questa difficile situazione. I produttori di vongole hanno risposto a questa profonda crisi adattando il loro lavoro, ad esempio attraverso l'impiego di recinzioni e protezioni e attraverso la raccolta del granchio blu, ma rimangono diverse esigenze che dobbiamo sostenere per far fronte al problema". E' attesa dalla Regione la concretizzazione della disponibilità all'ampliamento della concessione demaniale, e viene auspica la dichiarazione dello stato di emergenza, che permetterebbe la sospensione dei mutui "perché le famiglie a brevissimo resteranno senza reddito". 

Massimo Genari ha aggiunto che "nell'immediato servirebbe riconoscere una remunerazione per la raccolta del granchio blu, che stiamo conducendo a tutela non solo del settore, ma anche dell'ambiente e del turismo. La raccolta rappresenta una soluzione di minima per poter allevare, soluzione non remunerativa che però impone costi molto elevati, fra benzina, attrezzi e lavoro". Sullo sfondo, spazio a una tematica che riguarda direttamente l'Europa. "L'Italia - ha rimarcato Genari - ha proposto un progetto di raccolta maggiormente efficace, rispetto alla nostra capacità d'azione: i pescatori della Sacca non possono infatti raccogliere al di fuori delle concessioni. Il progetto punta a consentire per un numero identificato di sei unità di raccolta di granchi la pesca a strascico entro le tre miglia nautiche, area non ammessa dalle normative Ue. Non abbiamo tuttavia ancora indicazioni chiare". 

Alessandra Basso ha dunque preso l'impegno di presentare un'interrogazione a riguardo: "L'Europa ha il dovere di stare al fianco dei pescatori e degli acquacoltori nella battaglia contro questa terribile piaga, che sta flagellando un settore primario per il nostro Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Granchio blu, Basso (Lega Id): "Occorre sostegno in tutte le sedi, a partire dall'Europa"

FerraraToday è in caricamento