rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Politica

Concerto di Bruce Springsteen, il sindaco Fabbri: "L'evento si terrà al parco Urbano, siate collaborativi"

Il Consiglio comunale respinge la richiesta del comitato 'Save the park' di trasferire lo spettacolo in un'altra area

La location dello spettacolo musicale previsto il 18 maggio al parco Urbano è destinata a rimanere la stessa. E' quanto è emerso dopo la lunghissima seduta del Consiglio comunale dello scorso lunedì. Fra i punti all'ordine del giorno, infatti, vi era anche la decisione in merito alla petizione sullo 'spostamento del concerto di Bruce Springsteen in un'area idonea nella zona Sud della città' da parte del comitato 'Save the park'. Tre le richieste dei cittadini sottoscrittori, "comunicare pubblicamente lo stato dei rapporti, nonché gli eventuali impegni di  carattere economico, tra l'Amministrazione comunale e gli organizzatori del concerto previsto di Bruce Springsteen per il 18 maggio 2023; individuare nell'area Sud della città, e in particolare in quella di pertinenza del demanio statale, il luogo idoneo per lo svolgimento di tale evento in data 18 maggio 2023 e procedere conseguentemente, anche mediante uno studio e un approfondimento apposito; sviluppare un nuovo parco urbano nell'area suddetta, anche con la vocazione di tenere grandi eventi con caratteristiche simili a quello sopra descritto".

Le risposte alla richiesta

Ad accompagnare le richieste del comitato civico, le considerazioni che il parco Urbano "è stato concepito e costruito, sin dalla sua progettazione, come un'opera di rinaturalizzazione di uno spazio cerniera tra l'area urbana, quella agricola e il fiume, con una vocazione che non si presta allo svolgimento di eventi con le caratteristiche di quello sopra previsto", che "la sede del concerto potrebbe essere compromessa seriamente, soprattutto in caso di maltempo, per quel che riguarda il manto erboso, la tutela igienico-ambientale degli  specchi d'acqua e il rispetto della biodiversità della nicchia ecologica costituita dalla galleria vegetale arbustiva, formatasi negli anni lungo la massicciata dell'ex-ferrovia Ferrara-Copparo, come anche per quel che riguarda l'avifauna stanziale e stagionale che nidifica in loco", che "un ampio tratto delle Mura storiche patrimonio dell'Unessco sarebbe potenzialmente e pericolosamente coinvolto nell'evento", e che una petizione online organizzata da 'Save the Park', che chiede che il concerto venga spostato in altra sede, ha raggiunto circa 40mila sottoscrizioni.

Richieste alle quali la Giunta ha risposto attraverso un intervento dell'assessore comunale alla Cultura Marco Gulinelli ."Le persone che hanno firmato la petizione, nei confronti della quali il Consiglio darà una risposta - ha sottolineato - dalla verifica effettuata dal competente ufficio elettorale sono 593 cittadini residenti a Ferrara. In relazione alla cittadinanza complessiva di Ferrara rappresentano lo 0.4%. Per quanto riguarda la piattaforma, Change.org non è verificata, carica le petizioni che possono essere sottoscritte in tutto il mondo, mettendo la propria firma con un click da persone che possono non sapere nemmeno dove è Ferrara".

Dopo la premessa, Gulinelli ha evidenziato che "avremo il primo concerto della data italiana a Ferrara. Al fine di dare il più efficace supporto logistico e organizzativo al concerto-evento, il Comune ha approvato una convenzione che stabilisce i compiti e i diversi contributi organizzativi del Comune, della Fondazione Teatro Comunale, individuata come soggetto attuatore, della società in house Ferrara Tua spa e di Apt Servizi Srl per la promozione turistica della Regione. Teatro Comunale organizzerà anche degli appuntamenti dal titolo 'Aspettando Bruce'. Ferrara Tua curerà la gestione in via diretta e indiretta della sosta e dei parcheggi, e organizzerà anche i servizi di accoglienza, di food and beverage nei luoghi vicini al concerto. Apt Servizi Srl sosterrà il piano di comunicazione e di marketing del concerto-evento. E' stata istituita una cabina di regia composta dal sindaco, dai suoi delegati, dai rappresentanti del Teatro Comunale, dagli operatori dei servizi comunali coinvolti, dai rappresentanti di Ferrara Tua, con il compito di definire le linee generali per il piano economico delle iniziative, sulla base dei progetti operativi che saranno di volta in volta definiti". Da qui a un riferimento a studi recenti su eventi come il Lucca Summer Festival, con il concerto del 2017 dei Rolling Stones, "in un luogo a ridosso delle Mura antiche" che ha portato a "un indotto totale di 29,8 milioni di euro per Regione Toscana".    

Sul secondo punto della petizione, l'assessore Gulinelli ha aggiunto che "la zona Sud, pur valutata a suo tempo per l'evento, è stata giudicata non idonea in quanto area aeroportuale con proprietà demaniale, concessa a Enac e sotto la giurisdizione di Enac, dove si svolgono attività Enac. E' un'area particolarmente urbanizzata, densamente popolata con un grande centro commerciale. Un concerto come quello di Springsteen bloccherebbe l'accesso agli edifici. In tema di transito veicolare, l'asse Beethoven-Wagner-Ravenna è fondamentale per lo scambio di merci, il passaggio di mezzi di soccorso e per il transito ordinario di veicoli. Se venisse chiuso, tutto il traffico sarebbe scaricato sull'asse di San Giorgio, già fortemente congestionato. Altresì risultano presenti pochi parcheggi utilizzabili, considerando i punti di arrivo dei visitatori".

Sul terzo punto della petizione, l'assessore ha indicato che l'area "è stata recentemente individuata come sede del progetto, candidato dall'Amministrazione comunale e finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-dipartimento per lo Sport, con fondi Pnrr, per la riqualificazione delle infrastrutture aeroportuali cittadine".

Alcuni cenni sull'organizzazione

L'intervento dell'assessore Gulinelli si è quindi spostato su alcuni dettagli organizzativi del concerto al parco Urbano. "L'area che sarà interessata dallo show - ha spiegato Gulinelli - è tutto il prato che fronteggia la città, di 65mila metri quadrati. Un'area comfort sarà di immediato ingresso allo show, che è divisa in 4 settori. Si arriverà a 10 ettari. L'allestimento sarà delimitato e completato entro due giorni prima. Tutto è emerso dalle riunioni con vigili del fuoco e Comando della polizia locale. Al prefetto presenteremo presto il progetto. Per quanto riguarda l'ambiente, la prima fase è stata di screening. E' stato utilizzato il georadar per andare a verificare tutta la parte, non solo per la consistenza di portata, ma anche per la mappatura dei vari sottoservizi e per evitare, con questa stratigrafia, zone del sottosuolo che abbiano delle situazioni di vuoto".

Un cenno anche alle cifre dell'afflusso di persone. "Avremo 48mila spettatori - ha rimarcato Gulinelli - provenienti da tutto il mondo, oltre 39mila da Italia. Per la costruzione del progetto abbiamo attivato dei tavoli tecnici con oltre 40 incontri. All'area 'rossa' pedonale che verrà chiusa, si potrà accedere solo con biglietto con pass. E' possibile che la cinta muraria venga chiusa il 16 maggio. Nei 4 settori dell'area show, saranno presenti i servizi di primo soccorso, di somministrazione cibo e bevande, i servizi igienici che saranno circa 300. Nell'area comfort ci saranno anche i vari stand della Regione e di altre realtà. E' stato realizzato un progetto, dove abbiamo individuato dei parcheggi fra gli 8 e i 10mila mezzi. L'area dei bus sarà individuata in via del Lavoro, via San Rocco, via Padova. L'area camper a Ferrara Fiere, l'area bici al velodromo, in via del Lavoro ci sarà un parcheggio per le moto, in via Gustavo Bianchi ci sarà un parcheggio per i monopattini. E stiamo andando a definire un parcheggio per disabili, in prossimità del luogo del concerto. Saranno 27 le navette al servizio dei parcheggi distanti, mentre 80 sono gli addetti 'bus for fan'. A marzo sarà costruito il sito internet con una serie di informazioni sull'evento. Incontreremo, in diversi momenti, i residenti, gli esercenti, le associazioni di categoria e culturali. Per quanto riguarda gli eventi 'Aspettando Bruce', l'intenzione è di promuovere sia l'evento che il territorio ferrarese. Si tratta di una decina di concerti con band in ambito territoriale. Verrà allestita una mostra straordinaria di Giovanni Canitano da Roma, fotografo dei concerti rock. L'allestimento e il disallestimento del concerto non durerà più di due settimane. Un evento musicale di questa risonanza rappresenta un momento speciale per la città, dispiace che qualcuno non sia felice. Può esserci una discussione, e 40 incontri in un mese e mezzo non sono pochi. Pertanto presenteremo il progetto in Prefettura, parleremo con la città. Ci sono ampie possibilità per trovare degli equilibri".

Interventi e votazione

Fra gli interventi più critici dell'opposizione, il consigliere comunale Pd Francesco Colaiacovo si è soffermato sulle dimensioni dell'area del "parco Sud che per voi è la Rivana, mentre per noi prosegue fino a San Martino", sul fatto che "la possibilità di svolgere attività alternative al volo nell'aeroporto non è vietata", e infine sulla decisione di modificare "la vocazione di un'area, patrimonio Unesco, senza consultare nessuno".        

Il consigliere M5s Tommaso Mantovani, si è detto dispiaciuto che "il punto ambientale sia stato messo alla fine", aggiungendo che si sarebbe trattato di "una fantastica occasione, senza pregiudizio se non a difesa della transizione ecologica", che la questione riguarda "un'area che stiamo finalmente rinaturalizzando piano piano", e che "50mila persone hanno un impatto enorme".

Sul tema si è quindi espresso il primo cittadino. "Qualsiasi tipo di petizione - ha affermato il sindaco Alan Fabbri - non ci lascia indifferenti su un evento che riteniamo strategico. Credo che oggi sia un banco di prova importante sulle priorità e su una visione politica e promozionale di questa città. Oggi dobbiamo decidere se una petizione firmata da 593 persone sia così importante per spostare questo progetto. Io sono convinto che questo evento sia qualcosa che tante persone desiderano. Il presidente della Regione Bonaccini lo ha definito come l'evento principale dei concerti della Regione. Noi stiamo lavorando bene con i diversi enti e con Apt della Regione. Mi dispiace che il Pd di questa città non collabori. Il concerto si svolgerà il 18 maggio, è una scommessa, faremo alcuni errori, accetteremo le critiche. Dateci una mano, cerchiamo il miglior modo per collaborare, in tanti sono scettici per la zona che è stata scelta, ma non si cambierà. Dateci la possibilità di creare questo evento". Il Consiglio comunale ha quindi respinto la richiesta di trasferimento del concerto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concerto di Bruce Springsteen, il sindaco Fabbri: "L'evento si terrà al parco Urbano, siate collaborativi"

FerraraToday è in caricamento