rotate-mobile
Ambiente

Volontariato, Difesa ambientale estense: "Negli anni la quantità dei rifiuti si è ridotta"

L'associazione ha ricevuto uno dei riconoscimenti della prima edizione del Premio 'Ferrara Bene Comune'

Fra i nomi delle realtà sociali destinatarie dei riconoscimenti della prima edizione del Premio 'Ferrara Bene Comune', oltre a  Fare Verde, Plastic Free e Volontari Bulldozer, figura Difesa ambientale estense. L'iniziativa, istituita in occasione della Giornata mondiale del volontariato 2023 dall'assessorato all'Ambiente del Comune di Ferrara, si è svolta attraverso una cerimonia pubblica, nella scorsa giornata di martedì 5 dicembre al Ridotto del Teatro Comunale. 

Intento della cerimonia è la promozione dell'attività di volontariato ambientale svolta da associazioni che operano in modo propositivo sul territorio. A questo proposito, una nota giunt da Difesa ambientale estense ha sottolineato che "siamo una associazione di volontari, abbiamo l'obiettivo di pulire il nostro fiume, i canali cittadini e il nostro mare dai rifiuti, che vengono sversati purtroppo quotidianamente".

Una realtà trasversale, caratterizzata dal fatto che "tra noi abbiamo giovani e anziani, studenti e lavoratori. Da più di un anno, operiamo anche nell'ambito di una convenzione stipulata tra la nostra Amministrazione comunale e la casa circondariale: escono dal carcere alcuni detenuti e raccogliamo rifiuti insieme, tutti insieme. Tutto ciò è molto formativo, a dire il vero lo è forse per noi ancor prima che per i carcerati: si lavora per l'ambiente, ci si parla e ci si confronta su molti temi. Sono davvero valide le persone che il giudice ha ritenuto di poterci affiancare: l'iniziativa è per noi occasione di crescita e, perché no, una iniezione di nuova linfa".

Raccolta Difesa ambientale estense-2

L'associazione ha aggiunto che "più volte, noi come gruppo e pure in collaborazione con i detenuti, siamo andati a pulire la zona di via della Canapa, nelle immediate vicinanze della Motorizzazione civile. Abbiamo sempre tenuto traccia di queste bonifiche: è troppo bello il boschetto che si trova tra via della Canapa e il quartiere barco, ci piace in modo particolare e vogliamo mantenerlo sempre in bella forma. Se consultiamo gli archivi fotografici e la banca dati di difesa ambientale estense, vediamo come, negli anni, la quantità e la mole dei rifiuti si sia progressivamente ridotta. Sicuramente noi volontari ce l'abbiamo messa tutta, e, nelle ultime due occasioni, erano in prima linea al nostro fianco le persone del carcere, che sono molto volenterose, ma vogliamo evidenziare una sempre maggiore consapevolezza e sensibilità dei nostri concittadini: ogni volta che i passanti ci vedono, si complimentano con noi: questo non può che far piacere, e non è tuttavia l'unica freccia al nostro arco".

I volontari hanno concluso che "alla fine di ogni raccolta di rifiuti, noi lasciamo sempre un cartello, che ricorda che è vietato sversare e sensibilizziamo continuamente tutti: i bambini dalla scuola materna alla primaria, i ragazzi, gli adolescenti e gli universitari, gli autoctoni così come gli immigrati. Teniamo traccia di ogni nostro passaggio, per poter capire come stiamo andando, e quali quartieri sono più virtuosi. Alcuni di noi lavorano nel settore del disinquinamento, altri operano in qualità di volontari, ma, attenzione, trattasi di volontari esperti e competenti, che intendono dare a Ferrara un'aria e un'acqua più pulite", evidenziando che informazioni sull'attività e sulle adesioni sono disponibili sulle pagine social della realtà sociale, e la prossima raccolta, in programma sabato 9 dicembre, prevede come ritrovo la Darsena City.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volontariato, Difesa ambientale estense: "Negli anni la quantità dei rifiuti si è ridotta"

FerraraToday è in caricamento