rotate-mobile
Politica

Dalle risorse per gli alloggi alla sanità, le caratteristiche del "sindaco che verrà" per il Movimento 5 Stelle

La formazione politica ha sottolineato la complessità di "stabilire una scala d'importanza delle priorità da affrontare"

Riceviamo e pubblichiamo:

"Per noi del M5S la prima cosa certa è che il Sindaco che verrà si troverà di fronte a un duro lavoro di ricostruzione politica, sociale ed economica. Difficile e complesso stabilire una scala d'importanza delle priorità da affrontare tra le tante criticità ed emergenze che richiedono soluzioni urgenti, efficaci, condivise e condivisibili. 

Il sindaco che verrà, per noi 5 Stelle, dovrà investire il massimo di risorse possibili per dare una casa a chi ne ha bisogno, sfruttando appieno le opportunità offerte dall'Unione Europea, dal Governo e dalla Regione. Il Sindaco che verrà, per noi 5 Stelle, dovrà occuparsi di censire gli immobili vuoti (circa 1000 nel Comune, tra quelli di proprietà comunale e regionale), di ristrutturare, adeguare e assegnare gli alloggi popolari, di reperire le risorse necessarie (dei 15 milioni necessari, ne è stato messo a bilancio appena uno), in modo da esaurire le graduatorie e dare un alloggio sia ai richiedenti in attesa da lungo tempo, sia a tutti gli altri.

Il sindaco che verrà, per noi 5 Stelle, non dovrà sprecare il proprio tempo a insegnare al vescovo come si fa il vescovo ed ai cattolici ferraresi ad essere prepotenti ed egoisti a dispetto del loro stesso credo. Il sindaco che verrà, per noi 5 Stelle, non dovrà investire enormi risorse per imbellettare la nostra città, che è riconosciuta Patrimonio dell'Umanità Unesco così com'è, quando ha invece un grande bisogno di mostrarsi più aperta, civile ed accogliente. Per il Movimento 5 Stelle, il Sindaco che verrà, dovrà impegnarsi a fare di Ferrara una città giusta e sicura per i propri cittadini e per chi ci abita, una città con strutture e servizi sanitari adeguati e ben distribuiti sul territorio, in grado di sopperire efficacemente alle necessità di tutti e in particolare dei più deboli e bisognosi. 

Il sindaco che verrà, dovrà essere consapevole che l'armonia tra le varie componenti della comunità ferrarese è un valore con ricadute positive non solo sulla qualità della vita, ma anche sull'economia locale, e dovrà lottare concretamente per ottenerla e garantirla, piuttosto che imporre criteri divisivi, e muovere inutili critiche contro chi si adopera per l'accoglienza dei più poveri e dei più disagiati. Del sindaco della nostra città che verrà, noi Movimento 5 Stelle, vorremmo non più vergognarci, come tristemente accade con il comportamento di quello che purtroppo abbiamo oggi".

Movimento 5 Stelle Ferrara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle risorse per gli alloggi alla sanità, le caratteristiche del "sindaco che verrà" per il Movimento 5 Stelle

FerraraToday è in caricamento