rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Sociale / Centro Storico / Piazza della Cattedrale

Riapertura (parziale) della Cattedrale, un contributo per l'impegno dei volontari Auser

La mostra, dopo oltre 3 anni di chiusura, è stata accessibile anche alle persone con disabilità

Un gruppo composto da 15 volontari di Auser, con un turnover di 6 per ogni giorno di apertura, ha garantito la mostra relativa alla parziale riapertura del Duomo di Ferrara, dal mese di ottobre del 2022, dopo oltre 3 anni di chiusura. Un impegno a cui l'assessorato alle Politiche sociali del Comune di Ferrara ha riconosciuto un contributo economico di 5mila euro, che ha consentito di protrarre per diversi mesi l'attività svolta dal personale, finalizzata a garantire la fruizione dell'esposizione anche alle persone con disabilità e con capacità motorie limitate.

"La riapertura della Cattedrale - ha spiegato l'assessora comunale alle Politiche sociali Cristina Coletti - seppure ridotta, è stato un momento molto speciale per la città, che ha visto l'Amministrazione comunale in prima linea. Dopo tanti anni è stato un risultato rilevante, reso possibile grazie alla passione e alla dedizione di questi volontari appartenenti a un'associazione, Auser, la cui sensibilità e attenzione verso l'inclusione riflettono i valori su cui l'assessorato alle Politiche sociali fonda le sue azioni per costruire una comunità coesa, all'interno della quale tutti meritano le stesse opportunità. Siamo davanti a un esempio di proficua collaborazione fra il settore pubblico e il volontariato, che ci ispira a proseguire nella promozione di iniziative orientate a consolidare i legami sociali, che sono la vera ricchezza di Ferrara. Il mio plauso va al presidente di Auser Volontariato Ferrara Sandro Guizzardi, al vicepresidente Giuliano Vaccari e a ogni singolo appartenente a una realtà associativa di grande impatto per la nostra città".

Determinante, infatti, è stato il ruolo svolto da Auser per la fruizione della mostra multimediale che ha illustrato ai visitatori le operazioni di restauro e di recupero degli 8 pilastri portanti della Cattedrale di Ferrara. I 15 volontari si sono occupati dell'accoglienza, dell'apertura del percorso e dell'accompagnamento alla zona visitabile al pubblico. Nel corso delle visite effettuate da persone con disabilità, il personale volontario si è occupato inoltre dell'accompagnamento presso l'ingresso accessibile situato presso la base del campanile, e attraverso la dotazione di un tablet ha fornito supporto tecnologico agli stessi in quanto la zona dedicata alla proiezione di un video sulla mostra non era pienamente fruibile.

"Siamo da sempre - hanno affermato il presidente di Auser Volontariato Ferrara Sandro Guizzardi e il vicepresidente Giuliano Vaccari - fortemente impegnati in attività che consentono l'inclusione delle persone. Essere attivamente coinvolti nella riapertura del Duomo ci ha dato molta soddisfazione". A livello provinciale l'associazione conta 6 circoli e 2100 volontari, i quali prestano la propria opera in azioni di volontariato che in senso generale offrono supporto alla collettività e al territorio. Numersoe sono le attività svolte, fra cui un servizio di trasporto sociale, la guardiania all'interno dei musei e alle strutture pubbliche, ma anche corsi di alfabetizzazione digitale per gli over 65. "Un impegno a tutto tondo e sempre più in aumento", hanno concluso Guizzardi e Vaccari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura (parziale) della Cattedrale, un contributo per l'impegno dei volontari Auser

FerraraToday è in caricamento