Carabinieri / Comacchio

Pescatori di frodo, sequestrati dai carabinieri 400 metri di reti abusive

La fauna ittica presente all’interno, ancora in vita, è stata reimmessa in acqua

Maxi sequestro di reti da pesca. Durante una attività straordinaria di controllo all’interno delle Valli di Comacchio, in particolare nelle aree adiacenti al cosiddetto 'Argine degli Angeli' nelle province di Ravenna e di Ferrara, i militari dei nuclei carabinieri forestale di Ravenna e di Comacchio (insieme al Nucleo Tutela Biodiversità di Casalborsetti) hanno, infatti, sequestrato 25 reti abusive posizionate da pescatori di frodo, per una lunghezza complessiva di circa 400 metri.

La fauna ittica presente all’interno delle reti, ancora vitale, è stata reimmessa in acqua. L’attività di controllo e bonifica delle aree aggredite dal fenomeno della pesca abusiva è stata svolta con l’ausilio delle imbarcazioni in dotazione. Le reti trovate non conformi sono state poste sotto sequestro amministrativo e verranno avviate a distruzione.

Le reti sequestrate dai carabinieri

Nelle porzioni di proprietà del comune di Comacchio, gestite dall’Ente Parco, l’attività di pesca è condotta esclusivamente dall’Ente Parco stesso, che è l’unico soggetto titolato a prelevare il pesce nella porzione delle Valli di Comacchio di proprietà pubblica. Tra le altre cose la cattura delle anguille, specie minacciata di estinzione a livello globale, è contingentata ai sensi della Convenzione di Washington e l’Ente Parco la conduce con le restrizioni imposte dalle normative vigenti e tutte le cautele del caso.

I controlli, che vanno ad integrare quelli già svolti sulla pesca di frodo che hanno impegnato durante il corso dell’anno i reparti carabinieri Forestali, sono finalizzati alla salvaguardia dei preziosi habitat delle Valli di Comacchio, sito naturalistico dichiarato Zona umida d’importanza internazionale dalla Convenzione Ramsar, e Sito di interesse comunitario e Zona di protezione speciale dall’Unione Europea per la conservazione degli uccelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescatori di frodo, sequestrati dai carabinieri 400 metri di reti abusive
FerraraToday è in caricamento