rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Gastronomia

Ferrara e Pompei unite nel nome della pizza: storica intesa tra le due città

Fabbri in Campania, accompagnato da Gianluca Pivetti della ditta di farine di Renazzo

Ferrara partecipa a rendere Pompei la patria della pizza. Dal Ferrarese provengono infatti le farine utilizzate da molti pizzaioli napoletani in Campania. Nasce così la volontà di creare un patto di collaborazione tra le due città italiane e per questo è stato firmato dal sindaco Alan Fabbri e quello di Pompei, Carmine Lo Sapio, il protocollo d’intesa che impegna i due enti, anche in collaborazione con la Ditta Molini Pivetti di Renazzo (Ferrara) e con il pizzaiolo Vincenzo Iannucci, a mettere in campo attività e progetti volti a inserire tra le attività didattiche e culturali delle scuole dei rispettivi territori ‘L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano’.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

L’obiettivo è quello di attivare specifiche collaborazioni coinvolgendo anche gli istituti alberghieri delle due città, punti di riferimento del settore agro-alimentare, per promuovere percorsi scolastici dedicati alla figura del pizzaiolo, in un’ottica di sviluppo occupazionale per le giovani generazioni.

“Ringrazio il sindaco Lo Sapio per averci accolto – spiega Fabbri -: si tratta di una bella partnership tra Ferrara e Pompei, già unite dall’essere entrambe parte del patrimonio Unesco, in cui collabora anche uno dei mulini più importanti d’Italia che, con i suoi stabilimenti nel Ferrarese, produce 240mila tonnellate di farina all’anno. Si tratta di un importante accordo nel segno della valorizzazione delle nostre tradizioni e di un comparto importante come quello del settore agroalimentare, che mira inoltre a sostenere una categoria, quella del pizzaiolo, simbolo di italianità in tutto il mondo, e che da oggi andremo a valorizzare grazie al progetto proposto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrara e Pompei unite nel nome della pizza: storica intesa tra le due città

FerraraToday è in caricamento