rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Sicurezza

Attacco hacker, una collaborazione con altri Comuni per emettere le carte d'identità elettroniche

Nel frattempo, procede la lavorazione delle pratiche che sono state trasferite in modalità cartacea

In relazione all'attacco hacker, sferrato nella notte tra martedì e mercoledì scorsi ai danni della rete del Comune, sono state disattivate le tredici postazioni dedicate all'emissione delle carte d'identità elettroniche. Una scelta resa necessaria per ragioni di sicurezza e, nello specifico, per scongiurare il possibile dilagare del virus, in computer collegati direttamente ai sistemi del Ministero dell'Interno.  

In virtù di una collaborazione interistituzionale gli utenti che necessitavano, e che necessitano, con particolare urgenza di questo servizio sono pertanto indirizzati nei Comuni limitrofi, in coerenza con le circolari del Viminale. Nel frattempo, continua la lavorazione delle pratiche, come le richieste di cambio residenza, la variazione di iscrizioni anagrafiche, i trasferimenti, le celebrazioni dei matrimoni, gli atti di nascita e di decesso. Attività, queste, che non si sono mai fermate, ma sono state trasferite in modalità cartacee. Il numero da contattare per le informazioni, anche su stato civile e anagrafe, è 800 532 532.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacco hacker, una collaborazione con altri Comuni per emettere le carte d'identità elettroniche

FerraraToday è in caricamento