rotate-mobile
Calcio

Spal, contro la Virtus Entella mister Colucci auspica che la squadra "giochi con coraggio"

L'allenatore biancazzurro è intervenuto alla vigilia della sfida casalinga contro gli avversari liguri

Dopo i pareggi ottenuti contro l'Ancona e contro il Gubbio, la Spal intende migliorare la striscia dei suoi risultati utili. Il calendario, alla diciassettesima giornata, propone la gara casalinga contro la Virtus Entella. E sulla preparazione del match contro la squadra ligure, in programma al Mazza sabato 9 dicembre alle 18.30, si è soffermato l'allenatore Leonardo Colucci.  

Buongiorno mister, quale messaggio ha mandato al gruppo il presidente Joe Tacopina?
"A tutti noi ha fatto molto piacere l'incontro con il presidente, perché ha portato energia positiva e fiducia. Ha parlato con i ragazzi, ovviamente non è contento per la situazione attuale, ma ha grande fiducia per il futuro, è una persona che sprigiona ottimismo e lo abbiamo avvertito".

E' arrivata qualche promessa in prospettiva mercato?
"Il presidente ha voglia di fare bene, e non di vivacchiare. Quindi, insieme ai dirigenti, ha voglia di fare qualcosa di importante per la Spal. Abbiamo tre partite prima della conclusione del girone di andata, quindi poi penseremo al mercato".

Spal e Virtus Entella sono le due squadre che finora hanno più deluso rispetto alle aspettative di inizio stagione?
"Sia la Spal che la Virtus Entella erano partite con altri obiettivi, ma la realtà dice che attualmente sono due squadre che stanno lottando per risalire la classifica. Spero che sia una bella partita, ma soprattutto mi auguro che la mia squadra giochi con coraggio: voglio vedere una forte determinazione insieme a uno spirito e a una fame orientata a ottenere il risultato a tutti i costi, calcisticamente parlando".

Il capitolo infortuni coinvolge solo Maistro, Contiliano e Rosafio?
"Durante la settimana Parravicini ha saltato un paio di allenamenti a causa di una forma influenzale mentre, per il resto, abbiamo a disposizione ancora la rifinitura per le ultime valutazioni, dopo la quale faremo delle scelte. Mi auguro sempre di avere a disposizione tutti i giocatori, ma sono comunque sicuro che chi andrà in campo combatterà al meglio per i nostri colori".

Avete analizzato con la squadra l'atteggiamento rinunciatario, frequente verso la parte finale delle partite?
"Noi analizziamo le partite insieme ai ragazzi, sia gli aspetti positivi che negativi. Può succedere che in quel momento l'avversario stia spingendo di più. Delle volte, può capitare che non attacchiamo con la prima linea. Ci possono essere situazioni in cui non pressi più davanti, non per mancanza di volontà".

Spesso, nei contrasti sono i giocatori della Spal a cadere per terra, invocando un intervento arbitrale che difficilmente arriva.
"Ormai gli arbitri fischiano di meno, all'inglese. A questo proposito, in alcune circostanze in allenamento non fischiamo il fallo. Sulla questione dei contrasti, dobbiamo vincerli. E' logico che se vinci i contrasti stai nella metà campo avversaria, viceversa se li perdi". 

Come ha visto la squadra negli allenamenti?
"La squadra si allena sempre bene, non lesinando mai una goccia di sudore ed è logico che il risultato positivo, anche se non è una vittoria, porti una maggiore energia all'interno del gruppo. Quanto fatto, però, non basta e questo lo diciamo chiaramente con i ragazzi, quindi è necessario fare di più: domani vogliamo fare la partita e con il nostro atteggiamento trascinare insieme a noi i nostri tifosi".

Uno degli aspetti da migliorare è l'intraprendenza?
"Una maggiore aggressività, te la può dare anche un determinato atteggiamento tattico nell'affrontare l'avversario, al di là delle caratteristiche dei singoli. Alla squadra dico che in certe zone del campo bisogna giocare facile, negli ultimi trenta metri si deve essere intraprendenti, affidandosi anche alla propria fantasia".

Cosa si è detto con l'ex mister spallino Leonardo Semplici, quando vi siete incontrati?
"E' stato un grande piacere incontrarlo. Abbiamo scambiato alcune opinioni sul calcio e in particolare sulla Spal, società dove si è trovato alla grande. Mi ha ribadito che basta una scintilla, un singolo episodio per portare il destino sportivo dalla tua parte".

Un commento sull'avvio stagionale del difensore Alessandro Bassoli?
"Sia lui che la difesa, insieme all'intera squadra, stanno dando il massimo. E' logico che è poi il risultato a contare. Bassoli, che conosco per averlo allenato in precedenza, è un ragazzo serio, che lavora con determinazione. Sono contento di lui e degli altri ragazzi della rosa".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spal, contro la Virtus Entella mister Colucci auspica che la squadra "giochi con coraggio"

FerraraToday è in caricamento