rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Basket

Basket, si ferma a Gardone la striscia positiva di Ferrara

Gli estensi mai in partita, espulso il tecnico Benedetto

A Gardone non c’è storia, Ferrara soffre per quaranta minuti la fin troppa aggressività dei padroni di casa e incappa in una serata storta, da cancellare nel più breve tempo possibile. Una partita (terminata 91-70 per i padroni di casa) che per certi versi ha ricordato quella di Nerviano che costò la panchina a coach Furlani, coi biancazzurri inermi di fronte agli avversari, più pronti mentalmente e fisicamente alla contesa. Si ferma a quattro la striscia di vittorie consecutive per gli uomini di Benedetto, che dovranno ora resettare ed approcciare con tutt’altro piglio alla trasferta di Bergamo.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Avvio morbido di Ferrara, poco precisa al tiro e punita un paio di volte dai padroni di casa, ma è in attacco il vero problema degli estensi nei primi minuti di gara: troppe palle perse e idee confuse anche a causa dell’aggressività di Gardone, avanti 7-4 dopo 5’. Coach Benedetto non ci sta ed è costretto a chiamare timeout con i suoi sotto di otto lunghezze, ma Ferrara continua ad intestardirsi in soluzioni individuali e fatica ad entrare in ritmo. Percentuali bassissime per Drigo e compagni, e al 14’ è massimo svantaggio sul 27-15 dopo l’azione da tre punti di Davico, mentre dall’altra parte Ferrara muove il tabellino con due viaggi dalla lunetta firmati Guerra e Marchini.

L’attacco estense latita, Gardone allunga fino al +13 dell’intervallo, poi i biancazzurri provano a sbloccarsi coi canestri di Kuvekalovic e Drigo per il -11 del 24’. Sono gli arbitri a prendersi la scena a metà terzo quarto: coach Benedetto protesta per un’infrazione di passi fischiata a Ballabio e si prende due tecnici uno dopo l’altro, che lo condannano all’espulsione. Ferrara sprofonda in un amen a -22, “maltrattata” dai due in grigio ma davvero troppo poco energica per poter competere ad alti livelli in questa fase del campionato.

I biancazzurri provano a reagire in avvio di ultimo quarto, con Guerra che sembra essere l’ultimo a mollare, ma il buon momento dura poco e la Gardonese entra troppo facilmente in area, toccando addirittura il +28 col cesto di un incontenibile Davico. I restanti minuti sono un lunghissimo garbage time, nei quali Ferrara prova a ridurre lo scarto, ma ci sarà tanto su cui riflettere dopo questa bruttissima sconfitta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket, si ferma a Gardone la striscia positiva di Ferrara

FerraraToday è in caricamento