rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Altri sport

Ginnastica artistica, per la Pgf arriva la conquista del quarto posto

L'ingresso all'interno della finalissima è stato sfiorato per pochi decimi

Una vera e propria impresa a Firenze per gli atleti della Palestra Ginnastica Ferrara che, entrati come sesti in final six, in una gara al cardiopalma hanno conquistato il secondo posto della semifinale, sfiorando per pochi decimi l'ingresso nella finalissima a tre.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

La formula della Final Six é studiata per essere particolarmente adrenalinica. Le 6 squadre ammesse in base alla classifica della regular season sono divise in 2 gironi da 3 squadre l'uno, a ognuno dei 6 attrezzi (corpo libero, cavallo con maniglie, anelli, volteggio, parallele, sbarra) sono previsti 2 scontri a 3, in cui vengono attribuiti 3 punti a chi ottiene il punteggio di giuria più alto, 2 punti al secondo e un punto al più basso. E così via per tutti gli attrezzi. 

Alla fine, vengono sommati i punteggi ottenuti dalle varie squadre e viene definita la classifica di ogni girone. La vincente di ogni girone accede direttamente alla finale. La terza squadra ammessa alla finalissima è la migliore delle 2 seconde determinata, sommando i punteggi di giuria ottenuti a tutti gli attrezzi. Il girone della Palestra Ginnastica Ferrara è durissimo, e comprende Virtus Pasqualetti di Macerata (campione in carica) e la Pro Carate della medaglia di bronzo alla round degli ultimi Europei Yumin Abbadini.

Si comincia al corpo libero, dove arriva la prima sorpresa positiva con Tommaso Bertarelli che va oltre ogni previsione e, con un esercizio pulito, strappa un punto alla Ginnastica Pro Carate. Poi inizia il Kovtun-Show con il tre volte campione d'Europa ucraino a creare il divario a cavallo con maniglie e anelli. Arrivano poi 2 volteggi spettacolari di capitan Andrea Passini e Steven Matteo, che ottengono 5 dei 6 punti a disposizione in questo attrezzo assicurando, già a metà gara, la matematica seconda piazza del girone. 

A questo punto è d'obbligo guardare il punteggio di Spes Mestre, seconda dell'altro girone e avanti di oltre tre punti. Kovtun in successione a parallele e sbarra, gli esercizi dove un mese fa a Rimini si è cucita addosso l'iride europeo, accende le speranze di una rimonta estense ma i veneti sono perfetti, e vengono recuperati 'solo' 2 punti e venticinque al divario, non sufficienti a conquistare l’ultimo posto per la finalissima a cui accedono Vitus Pasqualetti, Romagna Team e Spes Mestre. La Palestra Ginnastica Ferrara è quarta assoluta. 

Un risultato che la conferma stella di prima grandezza della ginnastica maschile italiana, grazie anche al ruolo svolto in regular season da Pietro Miserti, Emiliano Landi e Filippo Rossi, che non hanno avuto modo di salire in pedana ma hanno supportato alla grande i compagni. Alternanza di emozioni dalla panchina, con i tecnici Claudio Pasquali, Emanuele Menegozzo, Loriana Ferrari e Irina Gorbacheva che hanno sofferto come i tanti arrivati a Firenze a seguire la prova, e i collegati da casa in diretta tv. Un pizzico di delusione per come è sfuggita la finalissima che sarebbe stata pienamente meritata, ma soddisfazione nata dalla consapevolezza di quanto fatto durante l'annata. 

Il presidente Mantero ha spiegato che "è stata una gara veramente emozionante e avvincente. Sapevamo di essere competitivi, ma ci scontravamo con squadre fortissime in cui militano i componenti della nostra Nazionale che ha appena conquistato la medaglia di bronzo agli Europei di Rimini. Ce la siamo giocata con i nostri ragazzi bravissimi che hanno degnamente supportato uno strepitoso Illia Kovtun che quando gareggia per la nostra squadra ci mette il cuore".

Mantero ha ricordato che "alla fine solo 2 indecisioni al cavallo con maniglie e agli anelli ci hanno impedito di conquistare la finalissima in cui avremmo potuto dire la nostra anche per il titolo. Ma va bene lo stesso. Il quarto posto nel massimo campionato è un risultato importante che si aggiunge alle ottime prove nei campionati minori e nelle gare individuali. Mi auguro che anche dall'esterno venga supportato adeguatamente Il progetto che abbiamo avviato anni fa; se ciò avverrà la ginnastica a Ferrara potrà continuare a crescere e a dare grandi soddisfazioni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ginnastica artistica, per la Pgf arriva la conquista del quarto posto

FerraraToday è in caricamento