rotate-mobile
Magazine
PASQUA

Cosa si cela dietro il giorno di Pasquetta?

La storia, le tradizioni e i motivi per cui festeggiamo il Lunedì dell’Angelo

Che il meteo sia dalla nostra parte o che decida di regalarci un acquazzone, che si trascorra all’aria aperta con una memorabile grigliata o in casa riparandosi dalla pioggia, la giornata di Pasquetta porta sempre con sé un profumo di allegria: buon cibo e ottima compagnia, il binomio perfetto.

Quali sono le sue origini?

Sappiamo che Pasquetta, nota anche come Lunedì dell’Angelo, cade sempre il giorno dopo Pasqua.

Nella tradizione cattolica, in questo giorno si celebra l’incontro tra l’Angelo e le donne che si sono recate al sepolcro dove Gesù era stato seppellito dopo essere stato crocifisso. Giungono sul posto con olii aromatici per imbalsamare il suo corpo, ma trovano il grande masso che chiudeva l’entrata spostato. Ecco quindi apparire l’Angelo che le rassicura, annunciando la resurrezione di Cristo e invitandole a comunicare la notizia agli Apostoli.

Per quanto riguarda la tradizione civile della festa, il lunedì di Pasquetta è stato introdotto dallo Stato italiano soltanto nel 1947, durante il dopoguerra, con lo scopo di allungare la festività di Pasqua (così come il 26 dicembre, Santo Stefano, che allunga il Natale). È festivo in quasi tutta l’Europa, in Canada e in Australia.

Perché generalmente si organizzano gite fuori porta?

L’usanza italiana vuole che il Lunedì dell’Angelo si trascorra insieme alla famiglia o con gli amici, organizzando la tradizionale grigliata o una gita fuori porta, approfittando – se il meteo lo permette – delle prime giornate calde e soleggiate da trascorrere all’aperto.

Natale con i tuoi, Pasquetta…con chi vuoi

Tuttavia, esiste anche un’interpretazione religiosa. La consuetudine di trascorrere il lunedì successivo alla Pasqua fuori porta, avrebbe infatti un’origine cristiana. Secondo una tradizione si rifarebbe al racconto evangelico dei discepoli di Emmaus, che il giorno della resurrezione di Cristo avrebbero incontrato Gesù, proprio nel cammino fuori città, da Gerusalemme ad Emmaus.

Articolo originale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FerraraToday è in caricamento