rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Politica

Nuovo presidente per i Giovani Democratici, Travagli (Gioventù Nazionale): "Tempismo sospetto"

"E' bizzarro che il nuovo presidente, come prima uscita pubblica, dia il suo sostegno ad Anselmo, come se si volesse usare l’appoggio di alcuni giovani per ricucire le rotture e la crisi della coalizione di centrosinistra e dei suoi tavoli delle alternative"

Alessandro Travagli, presidente di Gioventù Nazionale Ferrara, movimento giovanile di Fratelli d’Italia, interviene sulla nomina di Lorenzo Massarenti a nuovo segretario della federazione dei Giovani Democratici. "Auguriamo buon lavoro al neopresidente Massarenti - afferma Travagli - e accogliamo positivamente il dato che anche a sinistra, dopo anni di immobilismo, finalmente riparte l’impegno giovanile. Certo, il tempismo, così prossimo alle elezioni amministrative, è sospetto. Così come è bizzarro che il nuovo presidente, come prima uscita pubblica, dia il suo sostegno ad Anselmo, come se si volesse usare l’appoggio di alcuni giovani per ricucire le rotture e la crisi della coalizione di centrosinistra e dei suoi tavoli delle alternative. Speriamo che questa sia una coincidenza e che non sia l’ennesimo caso dei giovani che in politica vengono usati solo come strumento e passerella dal partito ‘dei grandi’ di riferimento”.

“Con quasi 150 iscritti, quasi il triplo di quelli dei Giovani Denocratici - e tanti giovani ragazzi e ragazze che nelle scuole e nelle università, dove le nostre liste di destra sono le più votate, siamo orgogliosi di essere il primo movimento giovanile della Provincia di Ferrara - prosegue Travagli - Rappresentiamo tantissimi ragazzi che ogni giorno si spendono per portare in alto la bandiera, gli ideali e i valori di destra che da anni cerchiamo di trasmettere alle nuove generazioni. Vorrei fare in bocca al lupo a Lorenzo Massarenti per la nomina e lo aspetto per un confronto schietto e leale sui tanti temi che ci dividono, con l’auspicio che in futuro si possa aprire un dibattito locale a livello giovanile visto che finalmente, dopo tanti anni di assenza, una realtà giovanile di sinistra a Ferrara sembra resuscitata. Speriamo che il movimento giovanile del Pd non prenda l’esempio negativo di Schlein, che ha sfuggito il confronto ad Atreju, e accetti la nostra sfida”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo presidente per i Giovani Democratici, Travagli (Gioventù Nazionale): "Tempismo sospetto"

FerraraToday è in caricamento