rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Ambiente / Viconovo-Villanova

Impianto a biometano, le associazioni ribadiscono la loro contrarietà

Alla riunione con i cittadini ha partecipato anche l'eurodeputata del M5S Sabrina Pignedoli

Associazioni e cittadini hanno incontrato Sabrina Pignedoli, europarlamentare e capolista del Movimento 5 Stelle nel Nord-Est al circolo Arci di Villanova per confermare la loro contrarietà al progetto di megaimpianto per la produzione di biometano.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday  

"Si tratta di una centrale che cambierà la faccia di un territorio - ha evidenziato una nota del Movimento 5 Stelle - con un viavai continuo di camion su strade di campagna, traffico, l'inevitabile fuoriuscita di metano durante la lavorazione e un impatto visivo devastante. I cittadini hanno fatto notare che resta irrisolta la destinazione dei residui della produzione di biometano, poiché non è chiaro dove verranno collocati". 

Le associazioni hanno sottolineano il fatto che il progetto di questo impianto è una decisione calata dall'alto, presa senza consultare la cittadinanza e le aziende agricole del territorio – come prevede una raccomandazione dell'Unione Europea – che subirebbero danni pesanti e irreversibili.

La nota ha concluso che "l'eurodeputata Pignedoli ha detto che l'Unione Europea ha dettato una linea per le fonti rinnovabili e le biomasse, ma non è l'Europa a chiedere di realizzare una cattedrale di cemento in mezzo alla campagna. Un conto è la produzione energetica rinnovabile con piccoli impianti in una comunità energetica, un altro è creare una enorme centrale, con ciminiere nel mezzo di un territorio votato da sempre all'agricoltura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto a biometano, le associazioni ribadiscono la loro contrarietà

FerraraToday è in caricamento