rotate-mobile
Cinema / Centro Storico / Piazza del Municipio

'Il delitto Matteotti', le liste in appoggio a Zonari promuovono la proiezione

Il lungometraggio di Florestano Vancini del 1973 è in programma in Sala Estense

La sera di venerdì 17 maggio alle 20.30, la Sala Estense ospita la proiezione del film 'Il delitto Matteotti', pellicola italiana del 1973, diretta da Florestano Vancini, con Franco Nero e Mario Adorf.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Una proiezione promossa dalle liste +Ferrara in Europa e Psi e La Comune a sostegno della candidata sindaca Anna Zonari, per ricordare la figura del politico ucciso per mano fascista a cent'anni dalla sua scomparsa. Nato a Fratta Polesine nel 1885, segretario della Camera del lavoro di Ferrara, eletto per la prima volta deputato nel 1919 nel collegio di Ferrara, Giacomo Matteotti è profondamente legato al territorio ferrarese, dove ha visto nascere il fascismo agrario, che ha combattuto fin dalla prima ora.

"Il 10 giugno del 1924 - ha evidenziato Anna Zonari - venne brutalmente assassinato da squadristi fascisti. In quel momento storico, il fascismo, la cultura del totalitarismo, dell'uomo solo al comando, era un'ideologia ancora minimizzata da molti, ma Matteotti aveva intuito il pericolo che essa rappresentava per la democrazia italiana. A cento anni dalla sua morte, desideriamo ricordarlo con il film 'Il delitto Matteotti' del grande regista ferrarese Florestano Vancini, che racconta l'ascesa di Mussolini al potere e analizza l'assassinio di un martire della libertà: di un uomo coraggioso, come lo definì Pietro Gobetti, che ha lottato per la giustizia, per la libertà di pensiero e di parola e per i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori durante un periodo oscuro della nostra storia".

Da qui alla considerazione che "l'antifascismo è il principio fondamentale alla base della nostra Costituzione e ci unisce nel rifiuto di ogni forma di oppressione e discriminazione. Matteotti ha pagato il prezzo più alto per la sua opposizione al regime fascista, ma il suo sacrificio ci ricorda che la lotta per la libertà e la democrazia non conosce confini. La giustizia è il pilastro su cui si fonda una società equa e solidale". 

Zonari ha concluso che "il film ci mostra il coraggio di coloro che hanno cercato di far emergere la verità e rendere conto dei crimini commessi contro Matteotti e contro tutti coloro che hanno osato sfidare il potere totalitario. Ringrazio di cuore il Partito Socialista e +Europa per aver promosso insieme a La Comune questa iniziativa e Gloria Vancini, figlia di Florestano, per aver accolto il nostro invito a essere presente alla proiezione".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Il delitto Matteotti', le liste in appoggio a Zonari promuovono la proiezione

FerraraToday è in caricamento