rotate-mobile
Truffa

Truffa all'esame di guida: prima ingaggiavano il sostituto, poi smarrivano la patente

A far partire l'indagine è stata la polizia stradale dopo una serie di accertamenti

E’ una truffa in piena regola e praticamente perfetta quella architettata da un 30enne pakistano che ‘operava’ nelle scuole guida e nelle motorizzazioni di Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna, tra cui anche Ferrara. Una truffa, però, finita in un’aula di tribunale. Il 30enne, infatti, si presentava agli esami di guida, sia di teoria che di pratica, con i documenti delle persone che lo avevano ingaggiato, con l’unica eccezione che, su di essi, c’era la propria foto. Ed era pure bravo, perché gli esami li superava sempre.

Poi, però, una volta ottenuta la patente, i clienti del truffatore denunciavano la scomparsa del documento di guida. Veniva quindi stampato un duplicato, stavolta con la foto corretta. E sarebbe andato tutto liscio se non fosse stato per la polizia stradale di Bergamo, che si è insospettita dopo una serie di accertamenti su alcune patenti.

Attraverso le indagini si è arrivati al 30enne pakistano che, nel 2022, ha superato almeno sei esami tra Ravenna, Bolzano, Bologna, Ferrara e Modena. Per lui l’accusa è di sostituzione di persona e falso. La prima udienza nel capoluogo altoatesino è stata rinviata, poiché il 30enne è al momento irreperibile. Richiesto il rinvio a giudizio per le sei persone che lo hanno ingaggiato, anch’esse accusate dei medesimi reati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa all'esame di guida: prima ingaggiavano il sostituto, poi smarrivano la patente

FerraraToday è in caricamento