rotate-mobile
Sociale

'Specialissimi', Comune e Spal Foundation promuovono un progetto per il calcio inclusivo

Il percorso è dedicato a bambini e ragazzi con disabilità motorie e intellettive

Socializzazione, inclusione e attività fisica come strumenti per  un percorso inclusivo, rivolto a bambini e ragazzi con disabilità motorie e intellettive. 'Specialissimi' è il nome del progetto promosso da Spal Foundation e Comune di Ferrara, che ha preso il via nella sede di via Copparo. La partenza dell'iniziativa, con un momento di accoglienza da parte dei preparatori atletici biancazzurri alla presenza del direttore generale biancazzurro Corrado Di Taranto e dell'assessora comunalealla Pubblica istruzione Dorota Kusiak, ha avuto luogo nella mattinata di sabato 14 ottobre, sui campi della sede del Centro sportivo 'G.B. Fabbri' di via Copparo.

Un'iniziativa che rientra nel più ampio progetto 'La Scuola Biancazzurra', e che rappresenta un esempio di sinergia tra Spal Foundation e Amministrazione Comunale di Ferrara, con la collaborazione dell'assessorato alla Pubblica istruzione e alle Politiche familiari, attraverso l'Unità operativa di Inclusione scolastica. 'Specialissimi' nasce dal successo ottenuto lo scorso anno che ha portato a incrementare il numero dei partecipanti per la stagione 2023-2024, raggiungendo così trenta giovani di età compresa fra i 7 e i 14 anni. Grazie alla collaborazione dei preparatori atletici della Spal, i partecipanti avranno l'opportunità di migliorare le loro capacità motorie e scoprire il potenziale degli sport di squadra, quale è il calcio, come mezzo di inclusione sociale. La finalità del progetto, non solo sportivo, è di favorire l'autonomia, l'autostima e la consapevolezza dei giovani con disabilità intellettive o motorie, promuovendo la loro socializzazione e inclusione.

Per l'assessora comunale Dorota Kusiak, "il progetto 'Specialissimi' rappresenta un passo tangibile verso una società più inclusiva e riflette l'impegno della Spal Foundation a favore dei giovani con disabilità e le loro famiglie. Questo progetto, che non prevede costi a carico famiglie, è l'esempio di un impegno condiviso con l'Amministrazione comunale a promuovere l'inclusione e la collaborazione tra i vari attori del territorio a favore di una comunità inclusiva e ricca di opportunità per giovani. Offre infatti ai bambini e ragazzi con disabilità complesse l'opportunità di vivere un'esperienza sportiva significativa e di esplorare il potenziale degli sport di squadra, come il calcio, come strumento di inclusione".

Il direttore generale della Spal Corrado Di Taranto ha evidenziato che "siamo particolarmente orgogliosi di dare quest'oggi ufficialmente il via al progetto 'Specialissimi', già noto con il nome di 'Spal... le larghe', un'iniziativa che ci permette di sottolineare l'appartenenza di questo gruppo di ragazzi alla famiglia biancazzurra. Tale iniziativa, fortemente voluta dal Presidente Tacopina, è molto importante per Spal Foundation, perché risponde all'obiettivo di rendere lo sport accessibile a tutti: attraverso l'attività fisica, infatti, desideriamo aumentare l'autonomia e la consapevolezza dei partecipanti, favorendone anche e soprattutto la socializzazione e l'inclusione. Quello odierno è solo il primo di una serie di numerosi appuntamenti nei quali saranno coinvolti una trentina di ragazzi di età compresa tra i 7 e i 14 anni, che si divertiranno insieme ai tecnici biancazzurri e agli psicologi dello sport sui campi del Centro sportivo 'G.B. Fabbri' e su quelli di Casa Spal". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Specialissimi', Comune e Spal Foundation promuovono un progetto per il calcio inclusivo

FerraraToday è in caricamento