rotate-mobile
Sociale / Centro Storico / Piazza del Municipio

Dalla segnaletica alle postazioni riservate, Lodi incontra il gruppo Accessibilità

Alla riunione erano presenti anche i dirigenti comunali e della polizia locale

Un incontro per elaborare e realizzare progetti condivisi per disegnare una città pienamente accessibile. E' con questa intenzione che si sono riuniti nella residenza municipale di Ferrara, il vicesindaco Nicola Lodi, delegato a Mobilità, Urbanistica e Rigenerazione urbana, i dirigenti comunali afferenti al settore Governo del territorio e al servizio Infrastrutture e Pianificazione Mobilità oltre al corpo di Polizia Locale, e il gruppo di lavoro Accessibilità e Mobilità del Comitato ferrarese Area disabili. Realtà, quest'ultima, che a livello provinciale rappresenta oltre 50 associazioni, cooperative e fondazioni che trattano tutti i tipi di disabilità. 

Fra i diversi temi trattati, l'apertura di attività aperte al pubblico non accessibili, il posizionamento della segnaletica provvisoria, che viene collocata in occasione di cantieri, manifestazioni e ogni volta che si presenta la necessità di una modifica della viabilità, le verifiche sul corretto utilizzo del contrassegno disabili, la collocazione delle distese tavoli o manufatti di arredo, i percorsi di accesso, i servizi igienici e la realizzazione e le dimensioni delle postazioni riservate a persone con disabilità in occasione degli eventi pubblici, l'adeguamento delle fermate urbane degli autobus e del trasporto pubblico extraurbano, l'adeguamento degli attraversamenti pedonali semaforizzati e la possibilità di istituirne di nuovi, a chiamata, in alcuni punti ritenuti  più critici; la chiusura dell'Ufficio Accessibilità e il ruolo del Garante delle persone con disabilità.

Per il Comitato ferrarese Area disabili erano presenti il presidente Francesco Gattus, il responsabile del gruppo Mobilità e Accessibilità Fausto Bertoncelli, Renzo Rimessi (Unione italiana ciechi e ipovedenti) e Lorenzo Cattani, in rappresentanza di Aism. I rappresentanti del Comitato hanno portato all'attenzione situazioni concrete e attuali. Lodi ha sottolineato che le diverse criticità saranno analizzate puntualmente insieme ai dirigenti ed ai tecnici preposti. 

"Il confronto, l'ascolto e i suggerimenti forniti da chi ha la percezione delle difficoltà e disagi presenti in città, perché le vive quotidianamente in prima persona - ha evidenziato il vicesindaco Lodi - sono sollecitazioni indispensabili per l'Amministrazione per ottenere una città sempre più accessibile. In alternativa, le persone con disabilità saranno costrette a denunciare fatti discriminatori, come recentemente accaduto. Nei mesi scorsi la polizia locale ha svolto diversi servizi di controllo, specialmente nelle zone del centro cittadino, per verificare le modalità di utilizzo dei contrassegni disabili, e proseguiremo su questa strada, perché ritenuta la più efficace per arginare il problema. Inoltre, porteremo all'attenzione degli organizzatori di eventi e manifestazioni le necessità di accesso e sicurezza delle persone con disabilità, durante gli spettacoli, mentre con i tecnici comunali effettueremo studi di fattibilità per capire come rendere più sicuri alcuni attraversamenti ciclopedonali pericolosi. Ringrazio per il lavoro quotidiano il Comitato ferrarese Area disabili, con il quale continueremo un dialogo che sia il più costante e proficuo, a beneficio di tutti i cittadini". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla segnaletica alle postazioni riservate, Lodi incontra il gruppo Accessibilità

FerraraToday è in caricamento