rotate-mobile
Sociale / Aguscello-Cona-Quartesana / Via Aldo Moro, 8

'Scuole che promuovono salute', a Cona in mostra le opere degli studenti

Gli Istituti superiori coinvolti dal progetto sono 'Einaudi' e 'Dosso Dossi'

Taglio del nastro, nella mattina di martedì 16 aprile nell'Area Accoglienza dell'ospedale di Cona, per la mostra 'Mostrasi sì piacente a chi la mira', realizzata dagli studenti degli Istituti superiori 'Dosso Dossi' ed 'Einaudi' di Ferrara, in collaborazione con il progetto 'Scuole che promuovono salute' dell'Ausl. Le opere complessivamente sono 20 e resteranno esposte un mese.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

A inaugurare l'iniziativa, la direttrice generale delle Aziende sanitarie ferraresi Monica Calamai, Marilena Bacilieri, direttrice dell'Unità operativa Formazione e processi della docenza integrata, Alberto Urro, responsabile del progetto 'Scuole che promuovono salute' del dipartimento di Sanità pubblica dell'Ausl, le docenti Chiara Rossi ed Elena Lunghi, della Scuola 'Dosso Dossi', accompagnate dalle due studentesse rappresentanti di Istituto Irene Visentini e Alice Saponaro, e le docenti Irene Gigante e Cecilia Bolzani della Scuola 'Einaudi', accompagnate da due studenti.

"Le nostre Aziende - ha commentato Monica Calamai - hanno avviato ormai da anni percorsi significativi sul tema del genere, a partire dalla pubblicazione dei bilanci dedicati e successiva certificazione su questa tematica; riconoscimento per il quale siamo stati i primi in Italia. Vorrei sottolineare che tutto parte da un percorso culturale che passa anche attraverso le scuole, ed è per me molto bello inaugurare una mostra, realizzata proprio dagli studenti, sul tema oggetto della giornata dell'8 marzo".

Alcune installazioni in mostra a Cona

Il titolo dell'esposizione prende il nome da un verso del sonetto scritto da Dante per Beatrice, 'Tanto gentile e tanto onesta pare' tratto dall'opera 'Vita Nova'. Lo spirito della mostra temporanea è rendere gli ambienti ospedalieri luoghi non solo di cura, ma anche di cultura, dove i cittadini, siano essi degenti o visitatori, possano trovare un po' di bellezza e spensieratezza. Filo conduttore delle opere esposte, la donna nelle sue diverse accezioni. Uno sguardo attuale attraverso una forma di creatività come quella artistico-pittorica, realizzata sia da ragazze che ragazzi, attraverso semplici istallazioni che descrivono il loro modo di interpretare la società al femminile. Diventa importante, in questo particolare momento storico, prendere visione di quelli che sono i punti di vista delle nuove generazioni, portatrici di interesse e delle istanze nel futuro, coinvolgendole in tematiche di forte impatto sociale come la prevenzione e la discriminazione sessuale, che ancora oggi viene esercitata pesantemente sul genere femminile, nonostante le grandi lotte e conquiste degli ultimi decenni.

L'esposizione 'Scuole che promuovono salute' è uno dei 21 progetti del Piano regionale della prevenzione, realizzato in collaborazione con personale dell'Ausl che prendono in esame e approfondiscono tematiche legate ai sani stili di vita o altre di interesse sociale, come ad esempio, in questo caso, la parità di genere. Talvolta tale lavoro porta alla realizzazione di elaborati, manufatti o veri e propri progetti, come in questo caso.

Gli approcci delle sue scuole

Il Liceo artistico 'Dosso Dossi' ha realizzato una esposizione di manifesti sul modello delle campagne di 'pubblicità progresso'. Gli studenti hanno analizzato diversi spot pubblicitari da cui si evincono elementi di discriminazione o di violenza nei confronti delle donne. "Il titolo della nostra esposizione, 'Un'immagine per pensare' – ha sottolineato la docente e referente Gianna Perinasso - fa riferimento a un progetto che avevamo realizzato con il Comune di Ferrara, insieme anche all'assessorato alla Pubblica istruzione, formazione, pari opportunità, politica familiari, legato anche al Miur e all'Udi. L'obiettivo è quello di riflettere su come il messaggio pubblicitario spesso nasconda a livello subliminale un valore comunicativo pervasivo. Il messaggio di promozione messo in atto crea, proprio attraverso questi manifesti, un'educazione e una sensibilità attraverso l'arte. Arte che è portatrice di ispirazione, di creatività e che promuove innovazioni e cambiamenti di valore per la società".

L'Istituto 'Einaudi' con percorsi di studio su Comunicazione, Commercio e Socio-sanitario, ha scelto come tema conduttore la Giornata mondiale della donna. Gli studenti hanno interpretato questa ricorrenza attraverso la creazione di manifesti o slogan. Oltre a fare sensibilizzazione le opere dei ragazzi, immagini inedite e talvolta spensierate, nonostante la serietà dei temi trattati, hanno anche una funzione di umanizzazione dei luoghi di cura. Le opere rappresentano, infine, l’evidenza di quelli che sono i punti di vista delle nuove generazioni su tematiche di forte impatto sociale come la prevenzione e la discriminazione sessuale. "All'interno della festa dell'8 marzo - ha dichiara la docente Cecilia Bolzani - abbiamo strutturato, con i ragazzi, il progetto 'Insieme nel rispetto', sviluppando in maniera particolare il tema della gentilezza. Partendo da qui ho chiesto agli studenti di realizzare dei loro testi, sollecitandoli a scrivere e i risultati sono visibili appesi a questi espositori. Gli elaborati hanno messo in luce una serie di concetti ed emozioni che spero siano spunto di riflessione".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Scuole che promuovono salute', a Cona in mostra le opere degli studenti

FerraraToday è in caricamento