rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Il riconoscimento

La schermitrice Emilia Rossatti è stata premiata dal sindaco Alan Fabbri per il fair play nella finale di spada

Il riconoscimento è stato consegnato all'atleta ferrarese nel corso della giornata di martedì a palazzo Municipale

Il senso della sportività sintetizzato in poche e incisive parole. "Rinunciare alla medaglia d'oro italiana? Era la cosa giusta da fare. Spero che il mio gesto sia l'occasione per promuovere la scherma, lo sport che amo, e i suoi valori, il rispetto per gli avversari e per l'arbitro. Non mi aspettavo che avesse così tanta risonanza, spero davvero che possa essere utile". A commentare il suo gesto compiuto in una finale e salito alla ribalta mediatica, e la stessa atleta 22enne Emilia Rossatti che, nella giornata di martedì a palazzo Municipale, è stata premiata dal sindaco di Ferrara Alan Fabbri. 

Il riconoscimento è legato al suo comportamento nella finale dei campionati italiani Under 23 di spada, dove appunto l'atleta ferrarese in forza all'Accademia Bernardi ha rinunciato a 'tirare' nei 17 secondi finali successivi all'infortunio dell'avversaria Gaia Traditi, che era avanti per 12 a 9 nel punteggio. L'atleta non ha voluto approfittare dell'infortunio dell'avversaria per tentare la rimonta, consegnandole così l'oro e il posto all'Europeo Under 23.

"Un gesto nobile e coraggioso, che rende onore allo sport. E siamo orgogliosi che a esserne artefice sia stata una giovane atleta ferrarese. Troppo spesso lo sport di vertice è assimilato al business e all'agonismo sfrenato. Emilia ne ha invece mostrato la faccia vera, umana e più autentica", ha evidenziato il sindaco consegnando alla giovane atleta una pergamena con la dedica "Ad Emilia, con affetto e gratitudine per il tuo grande gesto!".

La schermitrice, che frequenta la magistrale Unife in Biotecnologie, ha aggiunto di essere "Sono molto contenta, e forse anche un po' frastornata dalla grande eco della finale. Sono onorata del premio che arriva dalla mia città: Ferrara è il luogo della mia famiglia, e della mia palestra, che è la mia seconda famiglia. E' per me casa, un luogo simbolo nella mia vita". Martedì era accompagnata dal presidente del team Paolo Schiavina, da alcuni dirigenti e da altri atleti. Il suo prossimo appuntamento in pedana è previsto a giugno per gli assoluti, a La Spezia. Nel frattempo anche San Marino ha chiesto di poterla premiare, il prossimo 7 settembre. E altre richieste stanno arrivando".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La schermitrice Emilia Rossatti è stata premiata dal sindaco Alan Fabbri per il fair play nella finale di spada

FerraraToday è in caricamento