rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Lavori pubblici

A cent'anni dalla sua costruzione, il monumento dedicato ai caduti delle due guerre mondiali torna all'antico splendore

L'intervento di riqualificazione fa parte di un piano dell'amministrazione che a breve interesserà anche altri obelischi

Prosegue il piano di riqualificazione dei monumenti delle frazioni. Sabato, in tal senso, si celebra il centenario della costruzione del monumento ai caduti della prima e seconda guerra mondiale di San Martino (opera del progettista Vittorio Bigoni ed eretto nel 1922 accanto alla chiesa parrocchiale).

Per l’occasione, il Comune si è impegnato ad onorare l’evento attraverso la restituzione alla cittadinanza del monumento restaurato: ora, dunque, i 133 nomi dei caduti sono ora nuovamente leggibili sulle lapidi in marmo alla base dell'obelisco.

Nello specifico, sabato alle 16.30 è previsto il ritrovo in piazza Enrico Berlinguer, cui seguiranno la formazione e il trasferimento in corteo dei partecipanti verso la chiesa di San Martino vescovo. Alle 17, quindi, all’interno della stessa chiesa si terrà la messa officiata da monsignor Graziano Donà, mentre alle 17.45 vi sarà la deposizione della corona davanti al monumento con interventi delle autorità.

Dopo le parole del sindaco, Alan Fabbri, e del vicesindaco, Nicola Lodi, l'insegnante Edda Tugnoli fornirà un inquadramento storico, mentre Paolo Rebecchi, responsabile dei lavori, presenterà gli interventi di restauro effettuati. Alla manifestazione, inoltre, presenzieranno anche le associazioni combattentistiche e d’Arma, così come la banda filarmonica ‘Ludovico Ariosto’.

Il piano di riqualificazione dei monumenti nelle frazioni, che ha preso avvio nel mese di settembre, consentirà - entro la fine dell'anno - di restituire nuova luce anche alle opere di Francolino e Porotto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A cent'anni dalla sua costruzione, il monumento dedicato ai caduti delle due guerre mondiali torna all'antico splendore

FerraraToday è in caricamento