rotate-mobile
Enogastronomia

Da ricetta ottocentesca a marchio locale, ecco l'Amaro Estense

La bevanda è ottenuta da infusi di erbe, spezie e agrumi macerati

"Ferrara ha ricette e piatti tipici per tutti i gusti, da proporre ai turisti o da gustare in famiglia. Eppure dopo tanto buon mangiare, non esisteva un digestivo caratteristico, tipicamente locale, da offrire a fine pasto". Da qui all'idea di riempire la mancanza percorsa dal ferrarese Antonio Romagnoli. Un passato e un presente da creativo, guida ambientale escursionistica, ideatore del simbolo territoriale Croce guardiana del Delta Po, e ora ideatore di un nuovo brand, l'Amaro Estense, ottenuto da infusi di erbe, spezie e macerati di agrumi che si rifanno alla tradizione.

"Spesso ai ristoratori veniva chiesto un prodotto locale come digestivo e la risposta era sempre una: 'non l'abbiamo'. Per questo ho colmato un vuoto", ha raccontato Romagnoli, aggiungendo che "ho dato vita, con l'importante contributo di un'antica distilleria del territorio di origini ferraresi, a due amari tipici, un amaro che diventasse il simbolo del Delta antico, che fosse collegato al territorio stesso che potesse essere servito ai turisti come prodotto tipico locale". 

Il sindaco Alan Fabbri, che martedì 12 dicembre ha incontrato Antonio Romagnoli per conoscerne la vicenda imprenditoriale, ha commentato che "la tradizione di un territorio si trasmette anche attraverso i suoi prodotti tipici. Grazie al recupero di questa antica ricetta ferrarese, l'amaro che gustavano i nostri bisnonni può tornare in commercio, contribuendo a far rivivere anche la nostra storia". 

La ricetta presa come ispirazione è datata 1860, legata a un vecchio amaro andato perso e dimenticato col trascorrere degli anni e con il cambio dei gusti. La bevanda veniva prodotta da un'antica distilleria fondata nel 1824 a Mirabello. "A questa ricetta, a base di erbe che si rifanno alle antiche essenze del Bosco Eliceo, estesa tenuta di caccia degli Este, abbiamo aggiunto un macerato di agrumi, in omaggio al meraviglioso Giardino degli aranci del Castello Estense. Abbiamo dato vita all'Amaro Deltantico più tendente al dolce, e all'Amaro Estense più tradizionalmente amaro, grazie alla presenza della genziana. All'interno del Deltantico ritroviamo la salicornia, erba presente nelle zone salmastre, che regala un profondo retrogusto sapido alla bevanda", ha concluso il produttore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da ricetta ottocentesca a marchio locale, ecco l'Amaro Estense

FerraraToday è in caricamento