rotate-mobile
Politica

Riapertura dei palazzi, affitti brevi e congressi: le proposte del Pd per il turismo

I consiglieri Dem Baraldi e Nanni hanno stilato l'elenco delle misure: i dettagli

Indicare i tempi delle riaperture dei palazzi, valorizzare il turismo congressuale, coinvolgere ateneo e associazioni di categoria. Si muovono in diverse direzioni le proposte del Partito Democratico sul tema della promozione del turismo. I consiglieri comunali Dem Ilaria Baraldi e Davide Nanni hanno presentato una mozione sull'argomento, premettendo che "tra gennaio e novembre, infatti, il numero totale dei pernottamenti a Ferrara segna un -3,3% rispetto alla media pre-covid mentre altre mete turistiche vicine registrano incrementi molto significativi: Bologna (+10,3%), Ravenna (+17,9%), Forlì (+22%), Piacenza (+18,9%) e Modena (+7,3%)".

Tempi di riaperture dei contenitori culturali

Fra le finalità della mozione, c'è l'impegno "a dare maggiore coerenza e continuità all'azione di programmazione turistica condividendo con gli operatori di settore e l'ente regionale preposto una pianificazione di respiro biennale entro la primavera del 2024, indicando anche tempistiche precise per la riapertura di contenitori culturali ora inattivi come Palazzo Massari, Palazzo Prosperi Sacrati, Palazzina Marfisa d'Este, Casa Minerbi-Del Sale, Cinema Boldini, Museo del Risorgimento e della Resistenza e Spazio Antonioni".

Promozione del turismo congressuale

I due esponenti Dem hanno evidenziato la finalità "a esortare la presidenza della Fondazione Ferrara Arte affinché renda nota, entro la primavera del 2024, una programmazione biennale delle attività espositive previste a Palazzo dei Diamanti. A investire risorse nell'organizzazione, promozione e commercializzazione del turismo congressuale diffuso a Ferrara in collaborazione con l'Università, le associazioni di categoria e gli operatori della filiera, aggiornando periodicamente il Consiglio comunale sullo stato di avanzamento della progettualità Mice - Meetings, Incentive, Congress, Events".

Patrimonio ebraico ferrarese

Ulteriore obiettivo è "impegnare la società cha ha vinto l'appalto per la promo-commercializzazione turistica di Ferrara a sostanziare maggiormente la valorizzazione sui mercati turistici del patrimonio materiale e immateriale ebraico ferrarese, con iniziative concrete e coerenti col progetto 'Jewels Tour: il patrimonio ebraico come leva del turismo sostenibile', finanziato con fondi europei nell'ambito del programma Interreg Europe e di cui il Comune di Ferrara risulta essere l'ente capofila".

Attività di concorrenza

Inoltre, fra le finalità della mozione, spazio all'impegno "a implementare i controlli sul mercato degli affitti brevi per scopi turistici, in collaborazione con l'Agenzia delle Entrate, le forze dell'ordine e tutte le realtà associative che si occupano del tema, al fine di garantire una corretta e trasparente attività di concorrenza nel settore ricettivo (alberghiero ed extralberghiero), nonché prevenire effetti distorsivi o speculativi sul mercato immobiliare cittadino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura dei palazzi, affitti brevi e congressi: le proposte del Pd per il turismo

FerraraToday è in caricamento