rotate-mobile
Società

Rete per la pace, due incontri sui temi della nonviolenza e dell'obiezione

Gli appuntamenti si svolgeranno a palazzo Turchi di Bagno e alla Camera del lavoro

Continuano gli incontri relativi ai temi della pace. 'Prospettive di educazione per la pace e per la nonviolenza' è l'appuntamento in programma lunedì 29 aprile alle 17, a palazzo Turchi di Bagno.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday 

"Educare alla pace e alla nonviolenza - hanno sottolineato gli organizzatori - è quanto mai necessario in questa fase in cui la guerra sempre più ci riguarda da vicino. Bambini e ragazzi sono un facile bersaglio della propaganda, ma anche gli adulti hanno bisogno di educarsi alla pace e alla nonviolenza, nelle piccole come nelle grandi cose. Ne parliamo con Gabriella Falcicchio, pedagogista, docente all'Università di Bari e membro del Comitato di Coordinamento nazionale del Movimento Nonviolento".

I promotori hanno aggiunto che "Gabriella è un'attenta studiosa della pedagogia di Aldo Capitini ed è autrice di numerosi testi, tra cui, per la casa editrice la meridiana, 'L'atto atomico della nonviolenza' (2022) e 'Profeti scomodi, cattivi maestri' (2018)". L'incontro è organizzato dal Movimento Nonviolento, in collaborazione con la Rete per la pace Ferrara e con il Laboratorio per la pace dell'ateneo estense.

'Obiezione alla guerra' è invece il titolo dell'incontro in programma lunedì 29 aprile alle 21, alla Camera del lavoro. "Ci troviamo nella Sala conferenze della Camera del lavoro di Ferrara - hanno spiegato gli organizzatori - per conoscere quello che sulle guerre in corso è difficile sapere. Di come obiettori di coscienza, movimenti per la pace, renitenti alla leva e disertori stanno rifiutando la guerra su ogni fronte, e certamente in Israele e Palestina, Ucraina Russia e Bielorussia, dove si svolgono le guerre per noi più note. E di come la leva militare in Italia sia sospesa, non abolita, e ugualmente sospesa è la possibilità di affermare la propria obiezione di coscienza".

I promotori hanno evidenziato che "la campagna di obiezione alla guerra promossa dal Movimento Nonviolento sin dal marzo 2022, subito dopo l'invasione dell'Ucraina, è ancora più attuale dopo che nuovi fronti si sono aperti non lontano da noi. Di tutto questo parleremo con Daniele Taurino, membro del Comitato direttivo del Movimento Nonviolento e dello European Youth Forum, in costante contatto con obiettori di coscienza e pacifisti nei paesi citati". L'incontro è promosso dal Movimento Nonviolento insieme alla Rete per la pace di Ferrara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete per la pace, due incontri sui temi della nonviolenza e dell'obiezione

FerraraToday è in caricamento