rotate-mobile
Martedì, 20 Febbraio 2024
Società / Via Bologna-Foro Boario / Viale Krasnodar

Mobilità, aree verdi e palazzi in Krasnodar: le 5 proposte di 'Koesione 22'

Il comitato di residenti analizza le idee dell'amministrazione circa il Piano urbanistico

Pug, il comitato ‘Koesione22’ fa il punto, delineando – tema per tema – quelli che potrebbero essere miglioramenti al documento e, di conseguenza, anche alla vita cittadina. In particolare, con riferimento al quartiere di viale Krasnodar, da sempre al centro di diatribe circa lo stato del traffico.

Percorsi ciclabili

Il comitato chiede una maggior evidenza della segnaletica dedicata alle piste attuali e future, il miglioramento dei sottopassi di Via Gandini e Via Beethoven (inserendoli in un organico percorso ciclopedonale ben evidenziato e illuminato che unisca il Foro Boario alle Corti di Medoro) e la realizzazione di due collegamenti ciclopedonali.

In particolare il primo riguarda il sottopasso piscina via Beethoven-via Kramer- via Nievo-sovrappasso ferroviario-via dello Zucchero-accesso alla stazione e al centro città, mentre il secondo via Gandini-via Verga-viale Krasnodar-via Dell’Amicizia-attraversamento ferrovia interrata-via del Bove-via Ravera.

Trasporti

Per il comitato vi è la necessità di potenziare la frequenza del trasporto pubblico dal quartiere Krasnodar verso il centro e si auspica una revisione delle tariffe favorevole all’utente. Inoltre, secondo ‘Koesione22’, la creazione di una piazza collocata nel centro geografico del rione permetterebbe tra l’altro di rallentare il traffico, oltre alla sua funzione di aggregazione, socialità e accesso ai servizi scuole, chiesa, market.

Spazi comuni

L’elenco è lungo. Per i residenti e i firmatari, infatti, mancano spazi pubblici, manca una biblioteca, vi è assenza di sale riunioni e auditorium, così come di aree verdi. Per questo, si snocciolano diverse proposte: “Nel recupero previsto degli edifici nell’area di Foro Boario e nell’area ancora in stato di abbandono dell’ex palazzo degli Specchi si pensi a dar vita a luoghi di aggregazione sociale, si creino luoghi aperti alla comunità nel centro per le famiglie previsto nell’ex scuola Pietro Lana, si realizzi una piazza tra la parrocchia Sant’Agostino e la scuola De Pisis, si pensi al recupero ed alla riqualificazione del centro sociale ex Rodari di via Labriola”.

Ecologia

Il comitato chiede poi che nel Pug si inseriscano azioni di “qualificazione e connessione del sistema degli spazi verdi pubblici presenti nel quartiere Krasnodar migliorando le dotazioni ricreative, sportive, ecologiche, la riqualificazione della zona verde ed ex campo tennis adiacente alla ex scuola Pietro Lana e la creazione di corridoi per insetti impollinatori e azioni mirate a favorire la biodiversità”.

Edilizia urbana

“In generale – concludono da ‘Koesione22’ - si osserva come il quartiere Krasnodar sia caratterizzato quasi completamente dalla presenza di edilizia abitativa pubblica e privata, da edifici isolati, capannoni artigianali, anche dismessi o in dismissione, grandi centri commerciali periferici scarsamente integrati tra loro, il tutto di edilizia datata e di scarsa qualità urbana. Si suggerisce un censimento delle strutture in cemento o metallo un tempo dedicate a cartelli pubblicitari presenti in gran quantità nel quartiere ma non più utilizzate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità, aree verdi e palazzi in Krasnodar: le 5 proposte di 'Koesione 22'

FerraraToday è in caricamento