rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Giustizia

Mesi di soprusi e minacce alla fidanzata minorenne: giovane ferrarese condannato

Le presunte vessazioni vanno dalle foto hard ai genitori fino all'abbandono di sport e amici

Intimazioni, aggressività e insulti. Avrebbe messo in atto tutto questo un ragazzo ferrarese – all’epoca dei fatti 18enne – nei confronti della sua fidanzatina (del Bassopolesine e minorenne), condannato in primo grado dal tribunale di Rovigo a due anni di reclusione (con pena sospesa a patto che lo stesso frequenti un corso di ‘rieducazione’ di quattro anni) e al pagamento di una provvisionale di 10mila euro.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Secondo quanto emerso in tribunale, nell’arco di sei mesi (tra aprile e dicembre 2020), il giovane avrebbe costretto la propria ragazza ad una vita d’inferno, facendole abbandonare la pallavolo, gli amici, la scuola (ovvero non frequentando più la Dad) e obbligandola a non andare con i propri genitori in vacanza. Non solo. Il ferrarese avrebbe ottenuto anche la password dei social della propria vittima per poterli controllare e poter poi interagire a suo nome con l’ex fidanzato ed altri conoscenti.

Ma, come detto, secondo l’accusa ci sarebbe anche altro, con il 18enne che avrebbe aggredito fisicamente la minorenne, sarebbe andato a casa sua (quando era malata) solo per controllarle il cellulare, avrebbe minacciato di dare fuoco alla casa con la benzina e, in un’occasione, avrebbe anche inviato ai genitori della giovane alcune foto intime di lei (poi subito cancellate) come una sorta di ‘avvertimento’. Ora la sentenza in primo grado.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mesi di soprusi e minacce alla fidanzata minorenne: giovane ferrarese condannato

FerraraToday è in caricamento