rotate-mobile
Giustizia

Raduno per il centenario della Marcia su Roma, a processo anche un ferrarese

La manifestazione dei neofascisti andò in onda davanti alla telecamere delle televisioni

Compariranno presto in tribunale, a Forlì, 12 persone – tra cui una della provincia di Ferrara - finite a processo per la commemorazione del centenario della Marcia su Roma, avvenuta domenica 30 ottobre del 2022 a Predappio, paese natale di Mussolini.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Quel giorno, come riporta ForliToday, davanti alle telecamere venute da tutt'Italia e anche dall'estero, si snodò la manifestazione di neofascisti, con circa tremila partecipanti, che si erano incamminati da piazza Sant’Antonio lungo la strada provinciale del Rabbi cantando anche ‘Faccetta nera’, per raggiungere il cimitero di San Cassiano per commemorare i cento anni dall'evento che diede inizio al fascismo.

Ed ora si parte col processo a carico di 12 persone per le presunte violazioni della Legge Scelba (la legge del 1952 sull'apologia di fascismo) e della Legge Mancino (la legge del 1993 contro l'incitamento all'odio razziale). Si tratta di manifestanti ‘nostalgici’ provenienti da diversi territori (dalle province di Forlì, Ravenna, Ferrara, Venezia, Padova, Treviso, Pordenone, Brescia, Firenze, Fermo). Gli imputati hanno ricevuto la scorsa settimana la citazione per l'udienza pre-dibattimentale fissata per il prossimo 17 maggio davanti al giudice Priore, e sono difesi dagli avvocati Minutillo, Passadore, Ribetti e Fabbri.

Tra gli imputati, in particolare, spiccano anche due genitori che, nella sfilata in camicia nera, vestirono il loro figlio di appena 8 anni con camicia nera, basco, anfibi, fazzoletto nero al collo, con una spilla a forma di fascio littorio e un'altra spilla con l'aquila imperiale, di fatto richiamando la divisa dei balilla. Nei guai anche un altro partecipante, per aver indossato la divisa nera del gerarca fascista.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raduno per il centenario della Marcia su Roma, a processo anche un ferrarese

FerraraToday è in caricamento