rotate-mobile
Agricoltura

Pomodoro da industria, Coldiretti: "Urgente la sottoscrizione dell'accordo quadro"

L'attenzione è rivolta all'intesa sul prezzo per il mantenimento della filiera

"Il pomodoro non è più 'l'oro rosso' di qualche anno fa, soprattutto per lo sfilacciamento della filiera e le sempre crescenti difficoltà nel raggiungere l'accordo su un prezzo equo, che riconosca la qualità e l'impegno della parte agricola". E' una nota di Coldiretti ha sottolineare che "il pomodoro nel 2023 ha occupato nel Ferrarese una superficie di oltre 7.400 ettari, per una produzione di 4.556mila quintali, collocando la nostra provincia al secondo posto in regione".

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Coldiretti Ferrara, per bocca del vicepresidente provinciale Rino Crovetti, ha evidenziato "l'urgenza di sottoscrivere in tempi brevissimi l'accordo quadro per il prezzo del pomodoro da industria nel Nord Italia relativo alla campagna 2024; un accordo che salvaguardi la redditività delle aziende agricole con un prezzo adeguato e al di sopra dei costi di produzione". Crovetti ha rimarcato che "le cose stanno andando nel senso opposto a quanto auspicato e necessario, dal momento che il mondo agricolo rivendicava la necessità di arrivare a un accordo nei primi mesi dell'anno, non certo a semine e trapianti ormai avviati al buio. La 'rottura' che si è creata al tavolo delle trattative fra la parte agricola e quella industriale e che sta pregiudicando in modo preoccupante la firma sull'accordo quadro per il prezzo del pomodoro, rischia seriamente di compromettere le regole condivise dell'intera filiera, creando un precedente pericoloso". 

Crovetti ha ribadito che "purtroppo ancora una volta è mancata una seria programmazione produttiva, e di conseguenza il controllo delle superfici investite e delle quantità di produzione previste. L'Organizzazione interprofessionale del pomodoro svolge un ruolo importante nella filiera, ma a nostro avviso bisogna fare un passo in avanti verso un vero e proprio 'distretto del pomodoro', con il potere di dettare regole che non vengano disattese, e con un ruolo di coordinamento delle azioni di tutte le parti aderenti per valorizzare l'intera filiera e orientare ad accordi pluriennali, garantendo la crescita di processi di produzione, di trasformazione e di commercio più sostenibili e duraturi, oltre che di redditività alle imprese agricole in grado di produrre pomodori di altissima qualità".

Uno scenario, nel quale cresce l'importazione di concentrato di pomodoro dalla Cina "che ha rappresentato soprattutto un problema italiano, con distorsione della concorrenza determinata da un prodotto che è arrivato a 'pesare', in termini di prodotto fresco, a seconda delle campagne, dal 10 al 25% della produzione nazionale di pomodoro da industria", come ha aggiunto la nota di Coldiretti, soffermandosi su "un mare di pomodoro proveniente da un Paese dove le regole produttive, fitosanitarie, ambientali, etiche non sono quelle italiane ed europee, da territori saliti spesso alla ribalta per lo sfruttamento delle minoranze e dei prigionieri politici. Nell'ultimo anno la situazione è cambiata, con una forte crescita delle importazioni anche nel resto dell'Ue, che nel 2023 sarebbero praticamente raddoppiate". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pomodoro da industria, Coldiretti: "Urgente la sottoscrizione dell'accordo quadro"

FerraraToday è in caricamento