rotate-mobile
L'intervento / Centro Storico / Corso Ercole I d'Este, 21

Pinacoteca, si alza il grido d'allarme: "In stato di abbandono da mesi"

La sigla Flp "lamenta da parte della direzione il congelamento delle attività"

Riceviamo e pubblichiamo:

“La Flp, dopo ripetuti tentativi tesi a modificare anche sensibilmente la situazione, denuncia con forza il persistente stato di abbandono in cui versa già da parecchi mesi la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, complici sia l’imminente cambio della direzione, in scadenza il prossimo dicembre, sia le insistenti voci che da inizio estate danno per imminente lo scorporo del museo ferrarese dalle restanti Gallerie Estensi di Modena e Sassuolo. 
Questa sigla sindacale già da mesi lamenta da parte della direzione di Martina Bagnoli il ‘congelamento’ di tutte le attività della Pinacoteca Nazionale di Ferrara, dove eventi, mostre, progetti sono stati annullati o sospesi in ragione di un distacco che non potrà avvenire che in tempi medio lunghi. 
La mancanza di attenzione verso la realtà ferrarese, peraltro da sempre cifra distintiva di questa direzione, si è tradotta anche in isolamento del museo dal resto del tessuto cittadino, in mancanza di collaborazione con le altre realtà istituzionali e culturali della città, con la fuga del personale verso altri istituti, con malumori e divisioni interne. A tutto questo si aggiungono la totale mancanza di visibilità nella comunicazione istituzionale, l’assenza del museo ferrarese dai mezzi di comunicazione delle Gallerie Estensi, la carenza di infrastrutture che rendono ancora più difficile il lavoro ordinario del personale amministrativo. 
A farne le spese, oltre alla credibilità di un museo che è da sempre uno dei più importanti della città, sono ora soprattutto i lavoratori, da tempo lasciati a se stessi, in uno stato quasi di autogestione, in un momento di trapasso che avrebbe invece richiesto l’autorevolezza e la forza di una guida centrale che traghettasse il museo verso una nuova realtà. 
Chi scrive si chiede come sia possibile che chi ha diretto la Pinacoteca in questi anni con tanto plateale disinteresse, venga invece promosso in altri illustri istituti culturali nazionali, mentre i lavoratori del Museo da mesi sono lasciati soli, in balìa degli eventi, senza progettualità né guida, in una situazione di collasso sia delle relazioni interpersonali sia dell’immagine che inevitabilmente si sta dando alla città e ai cittadini”.
Sara Piagno, delegata sindacale Flp Pinacoteca Nazionale di Ferrara 
Rinaldo Satolli, coordinatore generale Flp Bac Beni Culturali

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pinacoteca, si alza il grido d'allarme: "In stato di abbandono da mesi"

FerraraToday è in caricamento