rotate-mobile
Ambiente / Malborghetto-Pontegradella / Via Caldirolo

Dalle piante alle centraline per monitorare la qualità dell'aria, approvato il progetto 'Central Bosc'

Una ciclabile collegherà l'area con il centro della città. Il finanziamento è di oltre 1,3 milioni di euro

E' stato approvato in Giunta comunale il progetto 'Central Bosc - Il grande orizzonte verde nel quadrante Est di Ferrara'. Un'approvazione nell'ambito del bando per la progettazione e realizzazione di infrastrutture verdi e blu in aree urbane e in zone nei pressi del centro. Su impulso dell'assessorato all'Ambiente, il nuovo polmone verde ospiterà circa 3.500 tra piante e arbusti e prenderà forma nel quadrante est della città, accanto a via Caldirolo. In più sarà realizzata una ciclabile che congiungerà via Frutteti al piazzale San Giovanni.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday 

Il nuovo parco di 55mila metri quadri sarà in stretta connessione con l'area di riequilibrio geologico esistente e gli orti urbani, oltre a intercettare le piogge e ridurre i rischi allagamento del quartiere. Percorsi ciclo-pedonali accessibili e semipermeabili per la raccolta delle acque meteoriche collegheranno l'area verde al parco lineare delle mura storiche: la nuova ciclabile offrirà un nuovo punto di collegamento di un'area appena fuori le mura e il centro città. Le diverse aree del parco offriranno spazi per il relax, l'intrattenimento e l'esplorazione della natura. 

La densa forestazione e la protezione della fauna autoctona si combinano con soluzioni come i giardini della pioggia e un nuovo stagno di circa 500 metri quadri, volti a salvaguardare le numerose specie di microfauna selvatica. L'intenzione è contribuire a migliorare la qualità dell'aria, mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e ridurre l'inquinamento, con la messa a dimora di 1.580 alberi e 2.700 arbusti. Questo impianto forestale arricchirà ulteriormente il numero di alberi presenti in città dal 2019 a oggi, che supera già le 15mila nuove piante.

La parte più grande dell'area sarà destinata a parco e rivolta alla fruizione pubblica, con l'installazione di attrezzature per il gioco e l'attività fisica outdoor, insieme a tavoli e panchine per lo svago dei fruitori, un impianto frutticolo e un orto condiviso. L'infrastruttura verde e blu si sposerà con l'infrastruttura digitale, creando un ambiente in cui i dati ambientali verranno raccolti e condivisi con la comunità, i cittadini, gli studiosi e con gli enti di competenza. 

Nello specifico, verranno installate 6 centraline Tree-Talker per misurare i parametri delle piante e una serie di elementi di corredo ambientali e microclimatici, 2 centraline low-cost Stima Rmap e una centralina Lab Service Analytica, per rilevare polveri sottili e altri utili parametri per monitorare la qualità dell'aria. Il valore totale del progetto ammonta a 1.383.726,52 euro. Il 70%, ovvero 1.176.167,54 euro, proveniente dal Fondo europeo di sviluppo regionale, a cui si aggiunge il cofinanziamento del Comune di Ferrara pari a 207.558,98 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle piante alle centraline per monitorare la qualità dell'aria, approvato il progetto 'Central Bosc'

FerraraToday è in caricamento