rotate-mobile
Amministrazione / Copparo

Gecim, approvato il piano industriale: "Obiettivi centrati, nessun aumento"

Decisivo, nel 2023, il lavoro svolto per consentire la riapertura della camera mortuaria

È stato approvato dal Consiglio comunale di Copparo il ‘Piano industriale 2024-2026’ delle società partecipata Gecim, la cui attività è stata illustrata dall’amministratore unico Giacomo Turra. L’obiettivo per l’anno appena cominciato rimane quello di puntare a standard qualitativi sempre più elevati, anche rafforzando le dotazioni informatiche, non prevedendo, per contro, variazioni alle tariffe cimiteriali e di cremazione.

Nell’anno precedente sono stati centrati traguardi importanti, a partire dalle predisposizioni tecniche e amministrative necessarie per l’apertura della Camera Mortuaria alla Casa di Comunità. La struttura era pronta il 29 giugno, dopo che il Comune attraverso Patrimonio, per accelerare i tempi di apertura, ha messo mano all’intervento di riqualificazione eseguito dall’Ausl che aveva fatto rilevare diverse problematiche tali da non consentire il normale avvio della gestione.

Il funzionamento procede regolarmente e, in un’ottica di ulteriore miglioramento del servizio, in accordo con gli operatori delle onoranze funebri, si è avanzata la proposta di utilizzare un altro spazio dello stabile, attualmente lasciato al grezzo, come area obitoriale aggiuntiva. Si è quindi provveduto a procedere all’adeguamento del locale alle nuove finalità.

È, infine, di pochi giorni fa l’allaccio dell’impianto fotovoltaico, di una potenza di picco pari a 36,08 kWp, alla rete elettrica: i novanta moduli installati sul tetto del crematorio, con un investimento di circa 60mila euro, possono produrre circa 5.500 Kwh al mese e 66mila Kwh annui, con importanti economie per la società partecipata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gecim, approvato il piano industriale: "Obiettivi centrati, nessun aumento"

FerraraToday è in caricamento