rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Politica / Portomaggiore / Via Carlo Eppi, 10

Partito Democratico, al Centro 'L'Olmo' l'assemblea provinciale

Attraverso un documento aperto, il segretario Nicola Minarelli si è soffermato su vari temi

E' prevista giovedì 9 novembre alle 18, al Centro L'Olmo di via Carlo Eppi 10 a Portomaggiore, l'assemblea provinciale del Partito Democratico. "Ho ritenuto importante - ha spiegato Nicola Minarelli, segretario della Federazione Unione provinciale Pd Ferrara - organizzare una sessione aperta e invitare i rappresenti delle organizzazioni datoriali, sindacali ed advocacy sociale. Un'occasione per continuare a confrontarci sui temi e prospettive per la provincia di Ferrara, sulle proposte e percorsi per promuovere e rendere maggiormente attrattivo il nostro territorio, facendo sistema e valorizzando capacità, competenze e professionalità".

A questo proposito, Minarelli ha riassunto una serie di argomenti nel documento aperto 'Il Pd vicino', depositato per la candidatura alla segreteria della Federazione Pd Ferrara. "Non c'è dubbio - ha evidenziato Minarelli - che chi si candida per ricoprire una carica così importante debba avere una propria piattaforma, e di seguito emergerà chiaramente l'impronta che vorrei dare al Partito Democratico di Ferrara, ma ancor prima penso occorra la consapevolezza che la realizzazione degli obiettivi prefissati deriva da un gioco di squadra ampio e coinvolgente. Un gioco di squadra che non può limitarsi alla lettura acritica di una piattaforma prefissata, ma che deve partire dalla definizione congiunta della piattaforma stessa".

Minarelli ha ricordato che "abbiamo bisogno di una piattaforma che ci guidi nei prossimi appuntamenti elettorali, ma che dia un respiro più ampio e duraturo perché un partito esiste sì per affrontare i momenti elettorali, ma soprattutto per rappresentare sempre le istanze delle cittadine e dei cittadini e quotidianamente lavorare per il raggiungimento del benessere e dello sviluppo delle nostre comunità", sottolineando la necessità di lavorare "perché il Pd di Ferrara diventi il partito vicino".

Il segretario ha aggiunto che "ci è capitato negli anni di promuovere iniziative nel periodo di ferragosto o durante le Festività natalizie ed essere poi orgogliosi dei risultati ottenuti; non ci siamo però accorti che la nostra giusta soddisfazione nel mondo fuori dal partito era letta con stupore o indifferenza, semplicemente perché si hanno altre priorità, le persone e le famiglie fanno altro", evidenziando che "Ferrara è un territorio vasto e periferico e quanto più si è lontani tanto più è necessario compiere sforzi per ridurre quelle distanze ed essere vicini".

L'elenco delle questioni connesse al concetto di vicinanza riguarda pertanto le esigenze di sviluppo e crescita della provincia; le periferie; la salute; la cultura; lo sport; la scuola-università; le realtà associative; gli enti locali; l'ambiente; i giovani; i diritti; i luoghi interni indipendenti; la formazione di tutti gli iscritti; i circoli; fino a una struttura del partito solida e robusta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partito Democratico, al Centro 'L'Olmo' l'assemblea provinciale

FerraraToday è in caricamento