rotate-mobile
Sanità / Cento

All'ospedale di Cento è stato inserito un pacemaker a una signora di 106 anni

L'intervento è stato eseguito dal docente Biagio Sassone, direttore della Cardiologia

Le è stato inserito un pacemaker all'età di 106 anni e, durante l'intervento, ha raccontato il proprio secolo di vita al medico che la opera in anestesia locale.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

L'operazione è avvenuta all'ospedale di Cento, dove la signora Aide Borgatti nei giorni scorsi è stata sottoposta all'impianto di un pacemaker ad opera del docente Biagio Sassone, direttore della Cardiologia dell'ospedale centese nonché del dipartimento interaziendale ad attività integrata cardio-toraco-vascolare della provincia di Ferrara.

"Sebbene mi fosse già capitato di intervenire su pazienti centenari, non è cosa frequente impiantare un pacemaker a una paziente alla soglia dei 106 anni", ha spiegato il docente Sassone. Aide Borgatti è una signora distinta e in ottima salute, se non fosse per un battito cardiaco troppo lento che le provocava qualche disturbo. L'intervento si è svolto senza complicanze e il giorno successivo la paziente è stata dimessa al proprio domicilio. "Della signora Aide mi ha colpito subito la sua straordinaria lucidità e il perfetto stato mentale. La sua mente vivace e la chiarezza dei suoi pensieri e dei suoi ricordi sono davvero impressionanti. Durante l'intervento, abbiamo discusso ampiamente della sua vita iniziata nel 1918, alla fine della prima guerra mondiale. Per me, appassionato di storia italiana del ventesimo secolo, è stato come aprire un libro di storia. Ci siamo salutati con l'augurio di rivederci tra una dozzina d'anni, al momento della sostituzione della batteria del pacemaker".

In Italia ogni anno circa 25.000 pazienti vengono sottoposti a un primo impianto di pacemaker. Nella Cardiologia dell'ospedale di Cento vengono impiantati circa 130 nuovi impianti di pacemaker all'anno. In linea con i dati nazionali, l'età media di questi pazienti è di 82 anni e un quarto di loro ha superato gli 87 anni d'età. Non è quindi raro che un cardiologo si trovi a intervenire su pazienti anche molto anziani. Il primo pacemaker cardiaco fu impiantato a Stoccolma da un cardiochirurgo per curare un uomo di 48 anni che aveva frequenti svenimenti a causa di un battito cardiaco troppo lento. Questo intervento segna l'inizio dell'era moderna dei pacemaker impiantabili che da allora hanno continuato a evolversi e migliorare, offrendo l’opportunità di curare molti disturbi del ritmo cardiaco. 

Oggi i pacemaker hanno dimensioni poco più grandi di un quadrante di orologio da polso e possono essere impiantati sottopelle, nella parte anteriore del torace, mediante un intervento in anestesia locale della durata di 30-40 minuti. I tempi di ricovero ospedaliero sono mediamente di 2-3 giorni e generalmente il paziente può essere dimesso il giorno successivo all'impianto. Le complicanze dell'intervento sono molto rare (inferiori all'1%) e nella maggior parte dei casi non mettono a rischio la vita del paziente.

L'ospedale di Cento è stato il primo in cui è stata implementata un'attività di telerefertazione di Ecg. Gli esami vengono effettuati nelle Case di Comunità del territorio, e dunque più prossimi e più comodi per i pazienti, poi trasmessi  ai cardiologi dell'ospedale Centese e da loro refertati. Partita nel 2021 con la Casa di Comunità di Copparo, ora attiva anche a Ferrara con la 'Cittadella San Rocco', a Bondeno, a Portomaggiore e a Comacchio, l'attività ha portato all'effettuazione di 209 telerefertazioni nel 2022, salite a 319 nel 2023 e a 79 da inizio al 21 marzo del 2024.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale di Cento è stato inserito un pacemaker a una signora di 106 anni

FerraraToday è in caricamento