rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Sanità

Non autosufficienza, la Direzione delle attività socio-sanitarie va a Maria Chiara Bongiovanni

La nuova direttrice avrà il compito di attivare collaborazioni con i Servizi sociali dei Comuni ferraresi

Una nuova nomina riguarda la Direzione delle attività socio-sanitarie dell'Azienda Usl Ferrara. Dai giorni scorsi la dottoressa Maria Chiara Bongiovanni è alla guida della Dass e si dovrà principalmente occupare della non autosufficienza, gestendo un percorso complesso e articolato, che prevede la stretta collaborazione con i Servizi sociali presenti in tutte le Amministrazioni comunali del Ferrarese. Dovrà gestire inoltre i fondi destinati alla non autosufficienza sia a livello regionale che nazionale.

La dottoressa Bongiovanni, in Ausl dal 1994, dopo una laurea in Giurisprudenza, conseguita all'Università degli studi di Ferrara, e un master universitario in Economia e management dei servizi sanitari, oltre a una lunga esperienza in Azienda, specie nel settore della gestione del personale convenzionato e poi allo Sportello unico, dal 2006 è stata dirigente dei Servizi socio-sanitari. Bongiovanni subentra al direttore del dipartimento integrato di Cure primarie Franco Romagnoni, al quale sono andati i ringraziamenti della Direzione generale aziendale per aver ricoperto con impegno e professionalità il ruolo alla Dass fino alla nuova nomina.

Secondo quanto previsto dal Piano sociale e sanitario della Regione Emilia-Romagna, la Dass coordina il processo di integrazione fra gli interventi di natura sociale e le attività di assistenza sanitaria e sociosanitaria. Presidia la coerenza tra lo sviluppo degli interventi socio-sanitari e la compatibilità economica degli stessi, in rapporto alle risorse assegnate, anche riguardo al Fondo regionale per la non autosufficienza e ai fondi nazionali. Opera a stretto contatto con i servizi sociali delle Amministrazioni comunali di tutto il Ferrarese per definire la programmazione dei servizi residenziali, semiresidenziali e domiciliari a supporto delle persone non autosufficienti.

Ha il compito di rafforzare il processo di integrazione fra assistenza sociale e assistenza sanitaria. Ha competenza in materia di coordinamento tecnico a livello aziendale delle attività riconducibili all'integrazione socio-sanitaria che si sviluppano a livello di distretto sanitario con una forte collaborazione con le Direzioni di distretto. Collabora con la Conferenza territoriale socio-sanitaria assicurando il supporto tecnico in materia di integrazione sociosanitaria, il governo delle politiche di integrazione sociosanitaria dell'Azienda e il rispetto degli impegni di pertinenza sociosanitaria assunti dall'Azienda tramite intese e accordi con gli Enti locali ed eventuali altri soggetti. Garantisce le necessarie connessioni tra l'Azienda e altri soggetti istituzionali, per il buon funzionamento degli Uffici di piano quali strutture tecniche competenti nella programmazione e monitoraggio dell'Area sociale e sociosanitaria.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non autosufficienza, la Direzione delle attività socio-sanitarie va a Maria Chiara Bongiovanni

FerraraToday è in caricamento