rotate-mobile
L'intervista

Maternità e realizzazione professionale, la ricetta dell'impreditrice Caterina Dondi

L'ideatrice del portale Neo Mamme Top racconta l'ultimo progetto sulla ginnastica in gravidanza

Se la conciliazione fra i tempi della vita familiare e lavorativa è un argomento entrato a pieno titolo nel dibattito politico, è altrettanto vero che la questione affrontata dalla prospettiva di ogni donna, alle prese con la personale esperienza della gravidanza, non può limitarsi a un mero calcolo matematico. Ci sono componenti relative alla dimensione fisica, psicologica e relazionale da non trascurare. Aspetti al centro di un progetto in divenire promosso dall'imprenditrice Caterina Dondi, ideatrice del portale digitale Neo Mamme Top dedicato al sostegno delle donne in gravidanza. Un'iniziativa, da pochi mesi diventata anche progetto in loco con la ginnastica in gravidanza nella sede di Ferrara, per gruppi e lezioni individuali.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Come è nata l'idea di dare vita al portale?
"Il progetto nasce circa tre anni fa da un'esperienza personale. Mi ero resa conto, infatti, che in precedenza essere diventata mamma aveva in un certo senso 'bloccato' il mio sviluppo professionale. Al tempo stesso non avevo trovato un sito che si occupasse di casi specifici, ma solo spazi che fornivano risposte generiche".

Quindi, a incidere è stata la sua esperienza personale?
"Sì. Ho tenuto i miei dubbi confinati nel tempo. Poi, qualche anno dopo, ho deciso di dare vita a un portale che fosse un punto d'ascolto personalizzato, che approfondisse diversi aspetti legati alla gravidanza. E che si rivolgesse a ogni donna, dedicandosi con criterio ai cambiamenti del proprio corpo, e ai fattori psicologici che entrano in gioco, e che variano da persona a persona".

Quante categorie di donne l'hanno contattata?
"Complessivamente circa 1500 mamme. Si va dalle persone disoccupate alle manager e alle sportive professioniste, fino alle dipendenti, magari con più figli. L'età media è 35 anni. Anche il ruolo del partner è importante nella creazione degli equilibri. Sono tre le sfere sulle quali lavoriamo: la cura del corpo, delle emozioni, e della mente. C'è un grande lavoro di consapevolezza soprattutto sulla gestione delle emozioni negative, del senso di colpa".

Come si articola il lavoro?
"C'è una parte online, con coach e consulenti per la nutrizione. Da pochi mesi, il progetto si è arricchito con la ginnastica in gravidanza nella sede di Ferrara in via Erasmo da Rotterdam 15, per gruppi e lezioni individuali. Ad affiancarmi, infatti, ci sono figure come trainer con specializzazioni. Il progetto non vuole assolutamente sostituirsi ad attività già presenti, ma creare un supporto in più, affrontando i diversi aspetti in maniera personalizzata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maternità e realizzazione professionale, la ricetta dell'impreditrice Caterina Dondi

FerraraToday è in caricamento