rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Sindacati / Centro Storico / Corso Ercole I d'Este

Lavoro, personale dell'inclusione scolastica e Fp Cgil si mobilitano

Previsto un presidio in Prefettura, nell'ambito dell'iniziativa a carattere nazionale

Nella giornata di giovedì, il personale dell'inclusione scolastica sarà in presidio presso la Prefettura di Ferrara in Corso Ercole d'Este dalle 10 alle 11.30, insieme alla Fp Cgil. L'iniziativa rientra nell'ambito della mobilitazione nazionale per rivendicare un lavoro stabile, una retribuzione adeguata e la valorizzazione delle professionalità degli educatori e degli operatori che lavorano in questo ambito scolastico di ogni ordine e grado.

"Sono lavoratrici e lavoratori - ha sottolineato una nota giunta dalla Fp Cgil - occupati all'interno di appalti pubblici gestiti quasi esclusivamente dalle cooperative sociali, la cui condizione lavorativa è estremamente precaria, anche per coloro che hanno rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Hanno contratti a tempo parziale ciclico (lavorano 9 mesi l'anno) ma non hanno né una stabilità oraria, né retributiva. La loro presenza nelle scuole è soggetta alle variabili determinate dalla presenza degli alunni con disabilità nel corso dell’anno scolastico, oltre al fatto che durante i periodi di chiusura scolastica il personale resta a casa senza retribuzione".

La nota del sindacato ha evidenziato che "a tale instabilità si aggiungono le retribuzione basse e la frammentazione dei luoghi dove il personale svolge l'attività lavorativa. E' consuetudine che le lavoratrici e i lavoratori debbano spostarsi su più istituti scolastici per provare a ottenere il raggiungimento del proprio orario lavorativo. Eppure questa figura è determinante all'interno delle scuole perché si occupa sia degli aspetti educativi che assistenziali degli alunni disabili inseriti nelle classi. A testimonianza dell'impatto di questi lavoratori all'interno della scuola basti citare il fatto che in ogni provincia si contano svariate centinaia di educatori e di operatori alle dipendenze delle cooperative sociali".

La sigla sindacale ha aggiunto che "le lavoratrici e i lavoratori dell'inclusione scolastica sono dei professionisti che rivendicano il giusto riconoscimento della loro professionalità, acquisita mediante il titolo di laurea di educatore professionale e con l'esperienza maturata nel corso degli anni. Con la mobilitazione la Fp Cgil intende sostenere i disegni di legge presentati nelle commissioni delle camere parlamentari per ottenere l'internalizzazione di tutto il personale operante nelle scuole, assicurandone la corretta contrattualizzazione e il giusto inquadramento professionale".

La nota della Fp Cgil ha concluso che "il raggiungimento di questo obbiettivo permetterebbe la vera integrazione dell'educatore nelle scuole, con il diritto a partecipare ai consigli di classe, per non essere più percepito come un soggetto esterno; porterebbe a un ulteriore beneficio per l'inclusione dei disabili nell'attività didattica; darebbe una risposta alla condizione del personale stabilizzando la loro posizione contrattuale. Per questo motivo nei presidi previsti davanti le Prefetture la mattina del 14, il personale dell'inclusione scolastica e la Fp Cgil chiederanno con forza l'approvazione e il finanziamento adeguato dei provvedimenti legislativi finalizzati all'assunzione all'interno della Pubblica Amministrazione di queste figure professionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, personale dell'inclusione scolastica e Fp Cgil si mobilitano

FerraraToday è in caricamento