rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Sicurezza

Entravano dalle finestre o 'picconavano' le vetrate: polizia e carabinieri arrestano gli autori di 17 furti

Le indagini sono partite a seguito di diverse azioni messe a segno tra la primavera e l'estate

Diciassette furti, tra negozi e uffici postali. A tanto ammonta, infatti, il ‘curriculum’ di una coppia di criminali, arrestata al termine di un’attività di indagine congiunta tra carabinieri e polizia. A finire in manette sono stati un 31enne moldavo (con precedenti) e un 33enne ucraino (anch’esso già noto alle forze dell’ordine).

Il tutto è iniziato la scorsa estate, quando due carabinieri avevano notato un paio di soggetti acquistare una dose di droga nelle vie del Gad. A seguito della perquisizione domiciliare, i militari dell’Arma avevano trovato anche alcuni capi d’abbigliamento sospetti. Tra questi vi era soprattutto un cappellino da baseball blu con un logo bianco.

Indagando su un tentato furto all’ufficio postale di viale Krasnodar (19 giugno), dalle immagini delle telecamere di sorveglianza era emerso che uno dei due malviventi entrati in azione aveva indosso proprio quel tipo di berretto. L’uomo, in quell’occasione, aveva infranto la vetrata della porta di ingresso con un piccone e aveva tentato di forzare la cassaforte (scappando, però, a mani vuote).

Negli stessi giorni, la Squadra mobile stava parallelamente indagando su alcuni furti portati a termine all’interno di esercizi commerciali della città. Episodi apparentemente isolati, dato che in alcuni casi il ladro era entrato forzando la porta di ingresso, mentre in altri passando attraverso una piccola finestra (come accaduto alla pizzeria ‘Pulcinella’).

A seguito del raffronto degli indumenti ritrovati durante la perquisizione domiciliare con quelli indossati dai responsabili del tentato furto all’ufficio postale, i carabinieri sono riusciti a inchiodare i responsabili. Parallelamente, la polizia scientifica ha proceduto a rilevare ed analizzare le impronte digitali lasciate sui luoghi degli altri furti.

Dalla congiunzione degli esiti, sono emersi diversi indizi nei confronti del 31enne moldavo: a lui, infatti, sono stati imputati 13 episodi, tra cui furti e tentati furti nei negozi. Per il 33enne ucraino, invece, l’accusa è di quella di aver partecipato a due furti in concorso, a cui si aggiunge quello ‘tentato’ all’ufficio postale.

Lunedì mattina, i militari dell’Arma e gli agenti della Squadra mobile hanno così dato esecuzione all’ordinanza emessa dal Gip del tribunale, arrestando la coppia di ladri e trasferendola in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entravano dalle finestre o 'picconavano' le vetrate: polizia e carabinieri arrestano gli autori di 17 furti

FerraraToday è in caricamento