rotate-mobile
Sanità / Centro Storico / Viale Cavour, 55

L'intelligenza artificiale al servizio della procreazione: se ne parla in convegno

L'appuntamento è fissato per venerdì 15 col focus sulle coppie che cercano di concepire

‘La Pma del futuro: l’intelligenza artificiale può rivoluzionare i trattamenti?’. E’ questo il titolo del congresso nazionale, promosso dalla Unità operativa di Fisiopatologia della riproduzione e Pma dell’ospedale del Delta, in programma venerdì 15 dicembre all'hotel Astra in viale Cavour, a Ferrara.

Nel corso dell’evento si farà il punto sui progressi dell’intelligenza artificiale in campo medico, concentrandosi sul settore della procreazione medicalmente assistita per esplorare l’impatto di successo per le coppie che cercano di concepire.

Più nello specifico, si comincerà approfondendo lo stato dell’arte dell’intelligenza artificiale per poi esaminare nel dettaglio come questa viene utilizzata nella pratica clinica e di laboratorio. La Fisiopatologia della riproduzione e Pma dell’Ausl è una delle pochissime realtà in ambito pubblico ad offrire il servizio di diagnosi genetica pre-impianto nella sua completezza e di recupero microchirurgico degli spermatozoi testicolari.

I numeri

Queste peculiarità fanno sì che l’ospedale del Delta sia sempre più un punto di riferimento regionale e nazionale per le coppie con difficoltà nel concepimento, come testimonia la crescente percentuale di utenza proveniente da fuori provincia (42%) e da fuori regione (quasi il 25%).

Come dimostrato anche dai numeri con oltre 4.500 prestazioni complessive (ambulatoriali, sala operatoria, biologiche) erogate quest’anno, con una media di circa 20 prestazioni al giorno. Da gennaio a novembre 2023 sono stati eseguiti 400 prelievi ovocitari, 186 prelievi ovocitari per diagnosi preimpianto, 153 scongelamenti embrionari, 14 micro-tese, 18 preservazioni di fertilità maschile e 9 per quella femminile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'intelligenza artificiale al servizio della procreazione: se ne parla in convegno

FerraraToday è in caricamento