rotate-mobile
Sicurezza / Centro Storico

Sicurezza in centro, ora il progetto sulla movida coinvolge anche i locali

Coinvolti i gestori degli esercizi pubblici per garantire il rispetto delle regole

Prosegue il progetto ‘Movida sicura’ per Ferrara. E dopo la conferma dell'utilizzo dei bagni dedicati all'utenza della notte e il posizionamento degli street tutor a tutela del decoro e del rispetto nelle aree interessate, ora il Comune - coadiuvato dal Centro di Mediazione - mette in campo un percorso condiviso di ascolto e sensibilizzazione nei confronti dei gestori dei locali per garantire la conoscenza, la condivisione e il rispetto delle regole.

Durante gli incontri, che partiranno da mercoledì, gli operatori distribuiranno materiale informativo e avvieranno un confronto con commercianti ed esercenti, con l'obiettivo di costruire una comunicazione bi-direzionale sulla gestione dello spazio pubblico interessato dalla movida, nell'intento di proseguire nelle azioni a salvaguardia del decoro delle distese.

“Come amministrazione – afferma il vicesindaco Nicola Lodi - riteniamo fondamentale porsi in ascolto di tutti i soggetti coinvolti nel fenomeno: è nostra responsabilità informare e coinvolgere gli esercenti al corretto uso dei loro spazi e di quelli pubblici. L'obiettivo è quello di far sì che tutti beneficino della movida in modo corretto, sicuro e responsabile”.

Gli esercizi coinvolti saranno quelli che si trovano nell'area del centro storico più interessata dal fenomeno: via Carlo Mayr, piazza Verdi, via delle Volte, via Camaleonte, via San Romano, via Peschiere Vecchie, piazza Travaglio, vicolo Leoncorno e via Castelnuovo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza in centro, ora il progetto sulla movida coinvolge anche i locali

FerraraToday è in caricamento