rotate-mobile
Carabinieri / Riva del Po

In fuga nei campi mentre i familiari aggrediscono i carabinieri: in 4 nei guai

I militari hanno riportato ferite lievi. Tutto è nato dal controllo di un giovane in auto

Lui cerca di scappare dalla cattura dei carabinieri, i suoi tre familiari bloccano e picchiano i militari. E’ quanto accaduto venerdì, nel territorio a cavallo tra Berra e Serravalle, durante un controllo della zona da parte degli uomini dell’Arma.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

I militari in divisa, infatti, hanno fermato un’auto sospetta lungo via Argine Po: alla guida c’era un ragazzo italiano di 21 anni senza documenti. A seguito degli accertamenti del caso, il giovane è risultato destinatario di un ordine di carcerazione: sentitosi scoperto, lo stesso ha tentato la fuga in un campo, sperando di raggiungere la propria abitazione.

Sul posto, nel frattempo, sono arrivati tre familiari del 21enne che, nel momento in cui i carabinieri si sono messi all’inseguimento del fuggitivo, hanno fatto di tutto per ostacolare la cattura. Nonostante ciò, i militari dell’Arma sono riusciti a bloccare il ragazzo: in quel momento, però, i tre parenti hanno ricominciato ad intralciare il lavoro delle forze dell’ordine, colpendo gli stessi carabinieri per liberare il congiunto.

Il 21enne è stato, comunque, portato in caserma, mentre sono cominciate le indagini per risalire all’identità dei tre aggressori. Dopo aver passato al setaccio l’abitato di Riva del Po e le frazioni limitrofe (con anche un salto a Rovigo), in serata i tre congiunti sono stati individuati. Il 21enne, oltre alla pena che aveva già da scontare, dovrà ora rispondere anche di violenza e resistenza nei confronti degli uomini dell’Arma (il giudizio è stato rinviato al 26 aprile). I tre parenti, invece, sono stati denunciati. I carabinieri aggrediti hanno riportato lesioni giudicate guaribili in sette giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In fuga nei campi mentre i familiari aggrediscono i carabinieri: in 4 nei guai

FerraraToday è in caricamento