rotate-mobile
Ambiente

Post alluvione, il bilancio dei lavori sui corsi d'acqua del territorio: la mappa

Diversi gli interventi portati a termine e altrettanti quelli programmati: tutti i dettagli

Dai primi interventi urgentissimi sugli argini dei fiumi ai lavori di consolidamento dei versanti in dissesto a ridosso degli abitati, fino al miglioramento delle condizioni di deflusso dei corsi d’acqua. Si continua a lavorare senza sosta nei territori colpiti dall’alluvione dello scorso maggio.

Iscriviti al canale WhatsApp di FerraraToday

Il totale

Nel complesso, sono 402 i cantieri in capo all’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile che interessano le province colpite di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia. Di questi, 130 sono già stati completati, 158 quelli in corso e 114 in progettazione. Il tutto per un investimento totale di circa 343 milioni di euro, tra somme urgenze, urgenze, programmazione regionale anticipata e programmazione da altre fonti.

Nel Ferrarese

Sono 21 interventi urgenti per i quali l’Ufficio territoriale di Ferrara è soggetto attuatore. L’importo complessivo è di 6 milioni e 700 mila euro: uno è ultimato a Pontelagoscuro (Ferrara) per 200mila euro, 4 sono in esecuzione per 650mila euro. 10 in affidamento per 3 milioni e 100mila euro e 6 opere per 2 milioni e 750mila euro risultano in progettazione. 

Inoltre, con la programmazione anticipata (ministero Ambiente-Difesa del suolo Rer, ordinanze capo Dipartimento di Protezione Civile, Pnrr, Piano triennale dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile) in provincia di Ferrara ci sono, a vari livelli, 36 interventi (in progettazione, in avvio lavori, in affidamento, in corso, conclusi) per un totale di 15 milioni e 942.805 euro.

In partenza entro maggio

Entro maggio saranno avviati 12 cantieri per quasi 34 milioni di euro. Sei sono gli interventi urgenti post maltempo di maggio 2023, per 1 milione e 400 mila euro: a Ferrara, il ripristino dell'argine sinistro del Po di Primaro a Marrara, nel comune di Ferrara (250mila euro) e a Sant'Egidio, in via Bassa; ad Argenta il ripristino della riva spondale (150mila euro) e dell'argine destro del Po di Primaro in via Bova, ad Ospital Monacale (300mila euro).

E ancora a Fiscaglia, in località Migliaro, la sistemazione dell'arginatura sinistra del Po di Volano su cui insiste la strada comunale via Travaglio (200mila euro); a Ostellato, nella frazione di Cavallara, il consolidamento della difesa spondale in corrispondenza della breccia sul canale Navigabile (200mila euro).

Altre operazioni

Si sommano altri 6 interventi della programmazione regionale per 1 milione e 910mila euro: in particolare, ben 1 milione e 590mila di risorse regionali sono investiti per le opere di manutenzione ordinaria degli argini del sistema Burana Volano (680mila euro); lavori nei tratti arginati del bacino del Burana - Po di Volano (600mila) e sugli impianti del bacino del Burana (110mila); manutenzione delle aree demaniali nel bacino Po di Volano (200mila).

A Codigoro partirà il cantiere da 70mila euro per il ripristino di un muro di protezione dell'abitato di Volano; a Ferrara con 250mila euro si procederà al ripristino delle difese idrauliche in sinistra idraulica in corrispondenza del Ponte Caldirolo. In totale, parliamo di 57 interventi per 22 milioni e 710mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Post alluvione, il bilancio dei lavori sui corsi d'acqua del territorio: la mappa

FerraraToday è in caricamento