rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Religione / Viconovo-Villanova

Festa di San Biagio, Villanova celebra il patrono

La funzione religiosa sarà accompagnata da una piccola processione

Nella giornata di sabato 3 febbraio, Villanova festeggia il suo patrono San Biagio. La ricorrenza sarà caratterizzata da una messa pomeridiana e da una piccola processione davanti alla chiesa, in programma a partire dalle 15. La celebrazione sarà tenuta dal parroco Don Kevin Ongagna e da Don Giovanni Pisa, presidente dall'Unità pastorale Madonna delle Grazie che comprende le numerose parrocchie di questa zona ferrarese.

"Il culto del vescovo e martire Biagio - ha evidenziato una nota proveniente dai volontari della parrocchia di Villanova - è molto diffuso, a cominciare da Milano, ma anche il nostro piccolo paese conserva una storia e testimonianze di fede e devozione al Santo davvero ragguardevoli. Una bellissima statua a grandezza naturale collocata in una nicchia al centro dell'abside sopra l'altare maggiore. Secondo i documenti dell'archivio parrocchiale la statua è stata acquisita nella seconda metà dell'Ottocento, modellata e dipinta secondo i modi della famosa bottega di decorazioni faentina Graziani. In sacrestia si conserva inoltre un grande quadro raffigurante San Biagio, opera del pittore centese Alessandro Candi che la dipinse nel 1848".

I volontari hanno aggiunto che "il quadro è stato restaurato una ventina di anni fa dal maestro Raffaele Diegoli su commissione del parroco Don Fabio Soncin, che tanto operò per conservare e anche valorizzare la chiesa e i suoi arredi. Sotto l'aspetto religioso la devozione a San Biagio, che fu medico e vescovo armeno di Sebaste si deve al suo potere taumaturgico delle gole. Un episodio leggendario racconta che mentre Biagio andava al martirio, avvenuto attorno al 316 dopo Cristo, durante la persecuzione di Diocleziano contro i cristiani per contrasti tra Costantino e Licinio, una donna gli portò il figlioletto che stava soffocando per una lisca di pesce che gli si era conficcata in gola. San Biagio lo benedisse e la sua benedizione fu miracolosa per il bimbo".

I parrocchiani hanno concluso che "per questo motivo, il giorno della festa, di solito il sacerdote tocca la gola dei fedeli con l'imposizione di due candele incrociate mentre, in questa occasione, il sacerdote benedirà la gola dei presenti con la reliquia di San Biagio conservata nella stessa chiesa di Villanova. San Biagio è anche il protettore degli animali, per questo è anche patrono dei veterinari e delle attività agricole. Dopo la processione avrà luogo nella Canonica un buffet ricco di torte, panini e bevande calde preparati dai volontari della parrocchia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa di San Biagio, Villanova celebra il patrono

FerraraToday è in caricamento